25 Luglio 2014
14:04

Massimo Troisi, la sorella lo ricorda in una lettera: “Il tuo cuore continua a battere”

A vent’anni dalla morte di Massimo Troisi, la sorella Rosaria lo ricorda con una toccante lettera. La donna ha ripercorso il giorno della morte e quello del funerale. Quando tutto sembrava finito, tutto è cominciato. Rosaria, infatti, incontra i ragazzi nelle scuole e gli racconta la storia di quel “timido ragazzo di provincia che non si è mai arreso.”
A cura di Daniela Seclì

Il 4 giugno del 1994 si spegneva Massimo Troisi. A vent'anni dalla sua morte, non si è ancora affievolito l'affetto di coloro che si sono emozionati con i suoi film e che ne hanno sempre apprezzato la semplicità. In queste ore Rosaria Troisi, sorella dell'attore, ha voluto ricordare Massimo tramite una lettera, pubblicata da Corriere.it.

"Caro Massimo, dove sei?"

Rosaria ha esordito scrivendo:

"Caro Massimo, a vent’anni dalla tua furtiva partenza sono in molti ad averti ricordato e anch’io ricorro al piacere dell’antica e cara lettera nella speranza che sappia raggiungerti. Dove sei? Ti sei allontanato che indossavi ancora una divisa grigia di tela grezza e una logora tracolla di cuoio che ti pendeva dalle spalle visibilmente stanche. Fino a poche ore prima eri stato il postino di Neruda, e con occhi incantati e mani tremanti avevi recapitato posta profumata di mare al maestro cileno, in quell’isola che odorava di malvasia in ogni casa e in ogni contrada."

"La morte ti ha trasformato da postino a destinatario"

Rosaria ha ricordato, poi, il giorno della morte e le persone accorse a dare un ultimo commosso saluto all'attore:

"Poi, all’improvviso, come in un gioco di prestigio, da portalettere ti sei ritrovato destinatario, sommerso da cartoline, biglietti di fortuna, pupazzi e fiori, rosari, santini. E noi qui, testimoni attoniti del tuo lascito, circondati da quella strana bellezza che fioriva da tanto dolore. È vero, Massimo, fummo colti di sorpresa. Volevi essere attore di successo a modo tuo, tornare a casa per ritrovare quello che avevi lasciato, senza cambiare nemmeno te stesso. Eppure qualcosa si era mosso senza che tu avessi potuto controllarlo, e neppure tu avevi l’esatta percezione di quello che eri diventato. Al termine delle riprese del tuo ultimo lavoro, salutando i colleghi e le maestranze durante il brindisi, alzasti il bicchiere dicendo: «Ricordatevi di me»; una raccomandazione inutile, eri già entrato nel cuore di tutti."

Il funerale di Massimo Troisi

La sorella di Massimo Troisi è tornata con la mente al giorno del funerale:

"Ricordo il giorno del tuo funerale. Era una domenica all’imbrunire. Già dalle prime ore del pomeriggio all’uscita del casello autostradale di San Giorgio una folla traboccante e commossa sostava in attesa del tuo rientro da Roma e sui bordi della strada si erano formate due ali di gente ammutolita che applaudiva. Uomini e donne, vecchi, bambini, e tanti, tantissimi giovani ti accolsero come un fiero condottiero ritornato vincitore. Ti accompagnarono con tenerezza in quel pezzo di terra sacra all’ombra della montagna viola e ti diedero l’ultimo saluto."

Quando tutto sembrava finito, tutto è cominciato

La morte non è riuscita a strappare via Massimo Troisi all'affetto del suo pubblico. Attestati di stima e lettere continuavano ad essere lasciate sulla sua tomba:

"Sembrava che tutto fosse finito, e invece tutto cominciava. Il giorno dopo, quando venimmo a trovarti, sulla lapide disadorna, tra i fiori già appassiti da quel flebile scirocco di inizio estate, trovammo la lettera di Ciro. E poi… tante altre ne arrivarono ancora. All’inizio mi sembrava che queste lettere amplificassero in me la tua assenza. Ma questi venti anni non sono trascorsi invano, Massimì, e con il tempo ho imparato a sentirti accanto a me. Questa consapevolezza mi ha dato un nuovo slancio. Ho smesso di confinarti nel passato e ho trovato la forza di portarti con me nel futuro, quello che vivo io stessa, passo dopo passo, tra le nuove generazioni."

Rosaria incontra i ragazzi nelle scuole, per raccontare loro la storia di Massimo:

"Nelle scuole, incontro ragazzi che non erano nemmeno nati quando te ne sei andato. Gli racconto la tua storia, la storia di un timido ragazzo di provincia che non si è mai arreso di fronte alle difficoltà della sorte. E che alla fine ha vinto a dispetto di tutto. Loro sono già troppo grandi per credere alle favole, ma quando nel loro sguardo vedo accendersi un bagliore capisco che alla tua storia però ci stanno credendo, e che ai loro occhi riesci a incarnare un simbolo di speranza vera, come sei stato vero tu."

"Il battito del tuo cuore è cessato, eppure so che ci sei"

Rosaria Troisi conclude la sua lettera scrivendo:

"Il battito del tuo cuore è cessato secondo una cartella clinica, eppure io so che ci sei. E, se quando incontro la gente, mi pare di sentirla abbracciarmi per arrivare a te, se in tanti non smettono di ridere per quelle tue battute che ancora ricordano a memoria, capisco che il posto in cui possiamo ritrovarti è proprio nei nostri cuori. Di questi tempi, se sono sempre meno quelli disposti a fare posto a qualcuno nel loro cuore, sono davvero pochi gli uomini di spettacolo che riescono a entrare nel cuore della gente. Ma la tua forza è stata quella di rimanere Massimo sempre, e per tutti. Riesci a vederla ora la tua grandezza? Il tuo cuore malandato ha potuto finalmente trovare vigore e continua a battere, infondendo coraggio in altri cuori. Ciao ragazzo, ti vogliamo bene! Tua sorella Rosaria."

Michael Radford ricorda Massimo Troisi:
Michael Radford ricorda Massimo Troisi: "Fui subito colpito dal suo humour"
"Chiedo un teatro per San Giorgio", spunta una lettera di Troisi al sindaco (come a Savonarola)
Massimo Troisi, il ricordo dell'amico d'infanzia:
Massimo Troisi, il ricordo dell'amico d'infanzia: "Un modello di vita per i giovani"
27.213 di Alessio Viscardi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni