Sono sedici le persone che confermano le storie di otto presunte vittime di Morgan Freeman. L'attore, considerato una delle personalità più fulgide e influenti della comunità afroamericana, è stato quindi accusato di comportamenti inappropriati e sistematici nei confronti di 8 donne. È la CNN a lanciare l'indiscrezione bomba. Contattato, l'attore ha rifiutato di rilasciare qualsiasi dichiarazione.

Otto donne lo accusano di molestie, sedici persone confermano le accuse

È la Cnn a squarciare il silenzio e far partire su Morgan Freeman la girandola delle accuse e il circo dell'indignazione. Sui social, commenti increduli nei confronti dell'attore protagonista pagine di storia del cinema impresse in capolavori eterni come "Le ali della libertà", "Seven" e "Invictus", e riconosciuto cinque volte con il premio Oscar. A far partire le accuse è una giovane assistente di produzione che, nel 2015, cominciava a lavorare per la prima volta ad una produzione importante, "Insospettabili sospetti" di Zach Braff. "Il lavoro dei suoi sogni" – scrive la Cnn – "si è velocemente trasformato in mesi di molestie". Ecco cosa scrive la Cnn:

Ci rivela che Freeman l'ha presa di mira con toccatine non richieste, commenti sulla sua persona e sui suoi vestiti. Freeman provava a tenere la sua mano dietro di lei. Freeman, in un'occasione, ha cercato anche di "alzarle la maglietta chiedendomi che intimo indossassi". Non è mai più riuscito ad alzarle la maglietta, quando ci ha riprovato "Alan (Arkin, altro attore del cast, ndr) gli intimò di fermarsi".

Altre molestie nel 2012 sul set di "Now You See Me"

Altre accuse arrivano da una donna che ha fatto parte della produzione del film "Now You See Me" nel 2012, rivelando alla Cnn che Freeman ha provato a molestare più volte lei e la sua assistente facendo commenti volgari sul loro corpo:

Faceva commentini sul nostro corpo, sapevamo già che l'avrebbe fatto, diceva di non metterci nulla per mostrare meglio il nostro seno, di non vestire certe cose per mostrare meglio il nostro posteriore…