8 Maggio 2015
15:53

Morgan Freeman sulla marijuana: “La mangio, la bevo, la sniffo, la fumo”

L’attore è un attivo sostenitore della legalizzazione della cannabis, come spiega al ‘Daily Beast’: “Per i miei problemi al braccio è l’unica terapia del dolore. Ecco perché secondo me la parola d’ordine è: legalizzare su tutta la linea!”
A cura di Valeria Morini

Seguendo l'esempio di molti colleghi (vedi, tra gli ultimi, la Roseanne Barr di "Pappa e ciccia"), anche Morgan Freeman si lancia in un'infuocata difesa della legalizzazione della marijuana. Negli Stati Uniti il dibattito è molto acceso e sono in molti a chiedere al governo che il consumo della cannabis venga reso legale per fini terapeutici. Chi l'avrebbe mai detto che tra i più accaniti sostenitori della battaglia pro-marijuana ci sarebbe stato un vecchio leone di Hollywood come il grande Freeman? L'attore ha raccontato al Daily Beast di esserne un attivo consumatore, soprattutto per combattere il dolore:

La mia prima moglie mi hai introdotto all'uso della marijuana molti anni fa. Come la prendo? In qualunque modo: la mangio, la bevo, la fumo, la sniffo! La marijuana ha molti utilizzi. Io soffro di fibromialgia a un braccio e l'unica cosa che mi offre un sollievo dal dolore è la marijuana. Si è scoperto che nei bambini affetti da crisi di epilessia può alleviarne i sintomi e consentire loro di condurre una vita normale. Ecco perché secondo me la parola d'ordine è: "legalizzare su tutta la linea!"

Sugli effetti negativi per l'ordine pubblico, Freeman non ha dubbi e fornisce un esempio significativo:

Guardate come è andata a Woodstock nel 1969. Hanno detto: "Non vogliamo impedire alla gente di fumare marijuana" e non ci sono stati problemi né disordini. E guardate invece quello che è successo nel '99.

Il riferimento è al concerto che si tenne nel 1999 per le celebrazioni del quarantesimo anniversario del celebre raduno musicale, quando il divieto di consumare cannabis durante l'evento generò diversi scontri e arresti.

Sempre attivissimo sul grande schermo, da anni il 78enne attore di Memphis, premio Oscar per "Million Dollar Baby", macina ritmi da 2-3 film l'anno. A breve, lo vedremo in "Ted 2", nel thriller "Momentum" e in "Last Knights". Inoltre, sarà nel cast di uno dei kolossal più attesi degli ultimi tempi, il remake di "Ben Hur".

 
Seven: CLIP
Seven: CLIP "L'apatia della società"
3.986 di CineMust
E’Dena Himes uccisa a coltellate a New York, era la nipote di Morgan Freeman
E’Dena Himes uccisa a coltellate a New York, era la nipote di Morgan Freeman
Le 10 cose di “Seven” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Seven” che ancora non sapevate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni