Ci ha lasciati a 80 anni Adolfo Lastretti, grande caratterista cinematografico, attore teatrale e anche volto televisivo, noto per aver partecipato alla soap opera Vivere. Lastretti è morto il 5 maggio a Loiano (Bologna): le figlie, Viola e Arianna, hanno spiegando che il padre si è spento serenamente, circondato dall'affetto di amici e parenti, per una patologia cardiaca. Secondo la sua volontà, non sarà celebrato un funerale cattolico, bensì verrà organizzata una cerimonia buddista.

La carriera al cinema

Nato a Tempio Pausania, il 18 novembre 1937, vissuto molti anni a Genova, si era trasferito a Roma per studiare all'Accademia nazionale d'arte drammatica "Silvio D'Amico", abbandonata due anni dopo per uno spettacolo teatrale con un giovane Tomas Milian. Dai primi anni 60, lavorò in ruoli minori in tantissimi film di genere, dallo spaghetti western (tra gli altri Joe, cercati un posto per morire, dov'era accreditato come  Peter Lastrett, Los Amigos, I quattro dell'Apocalisse, Una ragione per vivere e una per morire con James Coburn), al poliziottesco (Italia a mano armata, Napoli si ribella, Napoli spara!). Recitò, spesso come cattivo,  per grandi registi italiani e non solo come Jesús Franco (Paroxismus), Alberto Lattuada (Bianco, rosso e…, Cuore di cane), Luigi Magni (Scipione detto anche l'africano), Damiano Damiani (Confessione di un commissario di polizia al procuratore della repubblica), Jacques Deray (Borsalino and Co. con Alain Delon), Lucio Fulci (I quattro dell'apocalisse), Umberto Lenzi (Spasmo, Il giustiziere sfida la città), George Pan Cosmatos (Rappresaglia). Fu persino in un film americano blaxploitation, Shaft e i mercanti di schiavi.

Era il dottor Vittorio De Carolis in Vivere

Conobbe una nuova giovinezza artistica grazie al ruolo del burbero dottor Vittorio De Carolis nella soap opera Vivere. Fu il suo ultimo ruolo: entrò nel cast dalla prima puntata nel 1999 e lasciò nel 2003, quando decise di ritirarsi dalle scene.

La carriera in tv, doppiò K.I.T.T. in Supercar

Oltre a Vivere, apparve in diversi prodotti televisivi, come Le inchieste del commissario Maigret, Una donna, Padre Pio. Curiosità: doppiò l'auto K.I.T.T. in Supercar, nella prima stagione e in parte della quarta.