A soli 30 anni, è stato trovato morto nella sua abitazione l'attore e cantante giapponese Haruma Miura. Un lutto scioccante per il mondo dello spettacolo nipponico: il giovane interprete, molto popolare in patria, era noto per il ruolo di Eren dei due film "L'attacco dei giganti" tratti da un celebre manga. Restano ancora misteriose le cause del decesso ma dai siti internazionali si parla di sospetto suicidio.

Il ritrovamento del corpo

"Ci scusiamo con i fan e tutti gli interessati, ma stiamo ancora cercando di avere conferma dei dettagli della sua morte e condivideremo ulteriori informazioni quando disponibili", è la nota dell'agenzia Amuse, che gestiva Miura. Sembra che il cadavere dell'attore sia stato scoperto poco dopo mezzogiorno dal suo manager, recatosi a casa sua dopo che Miura non rispondeva alle sue chiamate.

La carriera di Haruma Miura

L’attacco dei giganti
in foto: L’attacco dei giganti

Nato il 5 aprile 1990, Miura era un ex enfant prodige, che aveva iniziato a recitare a soli sette anni, per essere poi definitivamente lanciato con la pellicola "Koizora". La sua filmografia conta una cinquantina di titoli, tra serie tv e film, senza contare i videoclip e numerosi spot pubblicitari. Sul piccolo schermo, aveva recitato tra l'altro in "Bloody Monday", "Samurai High School" e in dorama come "Last Cinderella" (il dorama è una fiction popolare nipponica di vari generi, spesso tratta da manga). Tra i titoli per il cinema si ricordano "Crows Zero", "Gokusen – Il film", "Arrivare a te" e appunto i due film "L'attacco dei giganti – Il film: parte I. L'arco e la freccia cremisi" e "L'attacco dei giganti – Il film: parte II. Le ali della libertà". Inoltre, aveva doppiato il personaggio di Yama in "Capitan Harlock". Aveva vinto i premi come miglior nuovo attore e attore non protagonista dal Japan Academy Prize, l'equivalente giapponese degli Oscar. Anche artista musicale, aveva fatto parte del trio j-pop Brash Brats.