23 Agosto 2020
18:54

Morto il regista Benny Chan, maestro del cinema di Hong Kong che lavorò con Jackie Chan

Lutto per il cinema di Hong Kong, che perde uno dei suoi nomi più noti nel genere action: a 58 anni, Benny Chan Muk-Sing è deceduto a causa di un tumore rinofaringeo che gli era stato diagnosticato durante le riprese del suo ultimo film. Prolifico il sodalizio con Jackie Chan, in film come “Senza nome e senza regole”, “New Police Story”, “Rob-B-Hood”.
A cura di Valeria Morini
Immagine

Il cinema di Hong Kong è in lutto: a soli 58 anni è morto Benny Chan Muk-Sing, conosciuto  semplicemente come Benny Chan, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico. Era uno dei nomi più significativi del cinema d'azione, genere principe della cinematografia dell'ex colonia britannica oggi annessa alla Cina. Fuortunato e prolifico il sodalizio con la superstar Jackie Chan, che Chan ha diretto in film molto famosi anche in Occidente come "Senza nome e senza regole", "New Police Story", "Rob-B-Hood" e "Shaolin – La leggenda dei monaci guerrieri". Chan è morto a Hong Kong dopo una battaglia contro un cancro rinofaringeo.

La scoperta della malattia sul set dell'ultimo film

Chan aveva scoperto di avere il tumore al naso proprio mentre stava lavorando a quello che è stato il suo ultimo film, ovvero "Raging Fire", interpretato dal noto Donnie Yen di "Rogue One". Negli ultimi mesi il regista è stato ricoverato al Prince of Wales Hospital di Hong Kong e poi all'Hong Kong Sanatorium & Hospital, dov'è deceduto il 23 agosto lasciando la moglie e la figlia.

La carriera di Benny Chan

Nato a Hong Kong il 7 ottobre 1961, Chan aveva esordito nel 1990 con il film A Moment of Romance, prodotto da Johnnie To e interpretato da Andy Lau. Aveva ottenuto una nomination agli Hong Kong Film Awards come miglior regista con "Big Bullet". Nel 1998 nasceva la collaborazione con il più celebre e pagato attore del cinema mainstream hongkonghese, Jackie Chan, con il lungo elenco di film sopracitati, tutti di grande successo. Tra i suoi titoli, anche "Divergence", "Connected", "City Under Siege", "Invisible Target" e "The White Storm" con Ching Wan Lau, Louis Koo e Nick Cheung, presentato nel 2013 alla Festa del cinema di Roma (di cui è uscito un sequel presentato al Far East Film Festival, però sconnesso dal primo film).

Immagine
Il centro di Hong Kong diventa una grande riserva naturale nella giungla di cemento
Immagine
Da Hong Kong destinazione... Hong Kong, il volo per chi non riesce a rinunciare all'aereo
Immagine
Perché gli arresti dei giornalisti a Hong Kong sono la notizia più importante della settimana
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni