Morto a 58 anni l'attore siciliano Tommaso Caporrimo, caratterista molto noto soprattutto a livello locale, che prese parte a molti film ambientati in Sicilia come "I Cento Passi" di Marco Tullio Giordana e "Baaria" di Giuseppe Tornatore. Caporrimo, stando alle notizie attraverso la stampa locale, era malato da tempo. Nelle ultime ore sono arrivati i ricordi di amici e colleghi, come il regista Salvo Cuccia: "Era un volto caratteristico nelle pellicole girate in Sicilia, aveva recitato con grande impegno dando il meglio di sè anche nel mio film Lo Scambio. Aveva anche una grande sua passione per la cucina e per il cibo".

Oltre ai film su citati, Caporrimo aveva lavorato con Andrea Porporati in ‘Dolce e l'amaro', Roberto Faenza in ‘Alla luce del sole', Marco Simon Piccioni in ‘Come il vento', Luigi Lo Cascio nella ‘Citta' ideale'. Volto molto conosciuto e amato dai tanti colleghi siciliano, nel corso degli anni  Caporrimo aveva costruito un'immagine di sé che andava oltre il semplice ruolo di attore. Molti lo conoscevano per la sua passione per la cucina, tanto che lui si stesso si definiva un ‘actor-chef' e a volte preparava a pranzi o cene per pochi intimi o per eventi particolari. Anche il collega palermitano Paride Benessai ha voluto ricordare l'amico attraverso un post pubblicato sui social:

"La beffa della vita è quella di un uomo che ha avuto ed esercitato la condivisione e l'amicizia, che oggi va via in silenzio e solitudine. Abbiamo fatto insieme tante cose Abbiamo sognato, urlato insieme per le ingiustizie della vita, del nostro lavoro, ma siamo stati veri, nel silenzio delle nostre riflessioni".

A ricordare Tommaso Caporrimo anche Daniele Pupella, che lo ha descritto teneramente come "l'amico che avvisava tutti gli attori ogni volta che c'era un provino a Palermo, perché aveva stima di tutti ed era fiero della bravura di tutti! Umile pacato e sorridente… Sempre".