Into Darkness - Star Trek

All'UCI Cinema di Pioltello, in provincia di Milano, sono stati presentati i primi 28 minuti di “Into Darkness – Star Trek”, il nuovo capitolo di una delle saghe più prolifiche del cinema, prodotto da Paramount Pictures in uscita nei cinema italiani a giugno 2013. A introdurre questo breve spezzone è stato nientemeno che Bryan Burk, socio di J.J. Abrams, che già aveva annunciato qualche dettaglio sul film, e co-produttore del progetto. Il film si apre con un breve riassunto che tocca i punti salienti, dalla fuga del giovane Kirk, interpretato da Chris Pine e del compagno di bordo McCoy (Karl Urban) in una giungla rosso sangue, alle prese con degli indigeni decisamente intenzionati a ucciderli. Si prosegue con l'excursus su Spock, interpretato da Zachary Quinto, il Sylar della serie tv “Heroes”, si sta per calare nel cuore del vulcano in eruzione nei paraggi con un marchingegno da lui architettato con l'intento di spegnerlo.

Viene da sé che molto probabilmente Spock ci sarebbe rimasto nel vulcano, se Kirk non lo avesse salvato andando contro la più importante direttiva della Flotta, ossia mai interferire con l’evoluzione e mai farsi vedere dalle popolazioni dei pianeti visitati. Purtroppo per questo gesto Kirk e Spock saranno calati di grado ed è proprio a questo punto che inizia “Into Darkness”, con l’entrata in scena di un nuovo cattivo, il dolicocefalo interpretato da Benedict Cumberbatch, lo Sherlock Holmes della serie inglese trasmessa dalla BBC, che attacca prima il cuore informatico poi gli archivi della Flotta, fino a tentare di sterminarne i vertici.

Non abbiamo dato per scontato il successo del primo film. Con questo nuovo episodio volevamo spingerci ancora più in là. Maggior azione, maggior drama, effetti speciali ancora più spettacolari.

Così Bryan Burk ha detto del film, del quale ovviamente salgono le aspettative, perchè a quanto pare questo dodicesimo episodio della saga sarà veramente esplosivo e vi ritroveremo tutti i personaggi dell'equipaggio.