4 CONDIVISIONI

Noi credevamo, trailer: applausi per Martone al Festival del Cinema di Venezia

Oggi il pubblico del Festival del Cinema di Venezia ha accolto “Noi credevamo”, il nuovo kolossal di Martone con una pioggia di applausi.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Fernanda Pica
4 CONDIVISIONI
noi credevamo di martone è applaudito al festival di venezia

Oggi è stata la volta a Venezia di "Noi credevamo", la nuova opera cinematografica di Mario Martone, di cui vi proponiamo il trailer. Si tratta del terzo film italiano a passare in concorso alla Mostra del Cinema.

Il pubblico del Festival del Cinema di Venezia ha applaudito la prima proiezione del film storico, che ripercorre le vicende del Risorgimento italiano attraverso la vita di tre ragazzi del sud affiliati alla Giovine Italia di Giuseppe Mazzini.

Tra i maggiori interpreti di "Noi credevamo" ricordiamo Luigi Lo Cascio, Toni Servillo, Francesca Inaudi, Michele Riondino, Anna Bonaiuto, Luca Barbareschi.

Il kolossal di Martone che si compone di ben quattro episodi ha conquistato il pubblico della Mostra del Cinema di Venezia presentando le pagine scure del processo risorgimentale del nostro Paese.

Dopo la proiezione in anteprima della pellicola, il regista ha commentato: "Fare un Paese è un processo doloroso. Abbiamo cercato di raccontarlo, anche perché la stragrande maggioranza di noi non sa nulla su come è nata l'Italia ma sa tutto su come sono nati gli Stati Uniti grazie ai film western".

Fernanda Pica

4 CONDIVISIONI
Noi Credevamo: Luigi Lo Cascio e Toni Servillo al cinema il 12 Novembre
Noi Credevamo: Luigi Lo Cascio e Toni Servillo al cinema il 12 Novembre
La solitudine dei numeri primi, Festival di Venezia: applausi dalla critica
La solitudine dei numeri primi, Festival di Venezia: applausi dalla critica
Venere nera al Festival di Venezia: il film choc su Sartjie
Venere nera al Festival di Venezia: il film choc su Sartjie
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni