Quando si parla di uno dei film più significativi della storia del cinema, il titolo di "Via col vento" viene fuori in maniera pressoché automatica. La pellicola del 1939 è diventata in pochissimo tempo un cult della cinematografia mondiale. Nelle vesti dell'elegantissima Melania Hamilton c'era la bellissima Olivia de Havilland. L'attrice, nata il primo luglio del 1916, oggi compie 103 anni.

Una carriera piena di successi

La carriera di Olivia de Havilland è stata costellata di successi, iniziando dalla vittoria di due Premi Oscar, vinti rispettivamente nel 1947 e nel 1950 per le interpretazioni in A ciascuno il suo destino e in L'ereditiera. La notorietà è sicuramente arrivata con il ruolo interpretato in Via col vento, ma non è stata questa la sua prima apparizione cinematografica. All'età di 22 anni, dotata di un'innata eleganza, venne scelta per un ruolo in "A midnight summer dream" (Sogno di una notte di mezza estate) del 1935. Ma fu la Warner Bros a decretare la sua fortuna, scritturandola per alcuni film che ebbero notevole successo, come "Captain Blood" al fianco di Errol Flynn, sempre del 1935, e di qualche anno più tardi "La leggenda di Robin Hood", il film con cui divenne una vera a propria stella del cinema.

In effetti la sua carriera cinematografica si è fermata sul finire degli Anni Ottanta, dopo ben 55 anni di presenza sugli schermi e ben 49 ruoli interpretati con successo. Nel 1988, Olivia de Havilland decise, quindi, di ritirarsi dalle scene, dopo aver ricevuto per ben due volte l'onorificenza più importante del cinema, l'Oscar appunto, e dopo aver ottenuto, nel 1960, anche una stella sulla celebre Walk of Fame. Ma i riconoscimenti in suo onore non sono finiti. Alla bellissima e talentuosa attrice è stato riconosciuto un dottorato onorario dall'Università dell'Hertfordshire in Inghilterra e recentemente, nel 2017, in occasione del suo 101esimo compleanno, le è stata conferita la prestigiosa onorificenza di Dama dell'Impero Britannico.

La rivalità con Joan Fontaine e l'amicizia con Bette Davis

Probabilmente non molti sanno che la Melania di Via Col Vento e la protagonista del film "Il sospetto" di Alfred Hitchcock, ovvero Joan Fontaine, sono sorelle. Le separavano poco più di 12 mesi di differenza, essendo morta la Fontaine nel 2013, e, entrambe bellissime star del cinema, furono rivali tutta la vita. Nel 1942 furono candidate durante la cerimonia degli Oscar come miglior attrici protagoniste, ma quell'anno fu la Fontaine a vincere il titolo, proprio con Il sospetto, e secondo le cronache dell'epoca, si sentì particolarmente in colpa per aver sottratto questo importante premio alla sorella maggiore. Il loro rapporti poco limpidi non furono mai risanati. Rivale con la sorella, ma unita da una forte amicizia con Bette Davis, con cui recitò in molti film e in ricordo della quale partecipò ad un evento in suo onore, tenutosi nel 2008.

La vita privata

L'attrice fu al centro di numerosi flirt con alcuni volti noti dell'epoca e si sposò due volte: nel 1946 con Marcus Goodrich, dal quale ebbe il suo primo figlio, Benjamin, che, nei primi anni di crescita, la costrinse a rinunciare, per adempiere al ruolo di madre, al ruolo da protagonista nel film "Un tram chiamato desiderio". Il figlio Benjamin è morto nel 1991, in seguito alle complicanze del morbo di Hodgkin. Lasciata l'America e trasferitasi a Parigi, dal suo secondo matrimonio, con il giornalista del Paris Match, Pierre Galante, avvenuto nel 1955, ebbe la figlia Gisèle, divenuta, seguendo le orme del padre, un'importante giornalista.

La causa contro Ryan Murphy

Il suo nome in tarda età, nonostante la comprensibile lontananza dai media, è nuovamente saltato fuori dopo le accuse mosse contro il produttore e regista Ryan Murphy, che, a suo dire, avrebbe utilizzato il suo volto in modo improprio nella serie televisiva Fued, nella quale era interpretata da Cathrine Zeta Jones.