10 Settembre 2014
16:34

Ossessionata dal film “L’esorcista” soffre di terribili allucinazioni da 40 anni

Gina Frost è una donna di 57 anni che da oltre 40 anni soffre di terribili allucinazioni. L’evento scatenante è stata la visione del film “L’Esorcista”, quando uscì nelle sale nel 1973. Da allora è tormentata da visioni della sua morte, dall’incubo di essere torturata e da strane sequenze di topi che si rincorrono sulle pareti della sua casa.
A cura di Daniela Seclì

"L'Esorcista" è di certo uno dei film horror più spaventosi mai messo in circolazione. Sembra, però, che questa pellicola abbia avuto conseguenze disastrose sulla vita di una delle sue spettatrici. In queste ore, sta facendo il giro del mondo, la storia di Gina Frost. Lei è una donna di 57 anni residente a Manchester, che ha raccontato di soffrire di raccapriccianti allucinazioni dopo aver visto quel film. Quelle che definisce "visioni di morte", sono iniziate nel 1973 quando "L'Esorcista" è uscito nelle sale.

L'inizio delle visioni di morte – Secondo quanto riporta il Mirror, dopo aver assistito alla proiezione insieme al fidanzatino di allora, Gina Frost era come ossessionata dalle scene che aveva visto. Solo una settimana dopo, dunque, ha iniziato ad essere perseguitata da allucinazioni che ritraevano la sua morte o da strane sequenze di topi che correvano lungo le pareti della sua casa.

"Una settimana dopo, ero nella mia camera da letto e ho iniziato a vedere dei topi che correvano lungo le pareti. Ero pietrificata. Mi sono chiusa in camera per settimane perché ero pietrificata. Pensavo di diventare pazza. Mi sono chiusa in camera nel disperato tentativo di sfuggire a quelle visioni. Ci sono volute nove settimane prima che io avessi il coraggio di tornare nel mondo esterno."

"L'Esorcista" le ha distrutto la vita – La donna è tornata con la mente a quella serata al cinema: "Ricordo le persone che correvano fuori dal cinema per vomitare e c'erano ragazze sedute dietro di me che urlavano terrorizzate. Era uno dei primi film horror che vedevo. Ero sconvolta." Da allora la sua vita è cambiata:

"Le allucinazioni mi fanno stare male. Spesso vedo la mia stessa morte. È come se guardassi un film in cui vengo aggredita e torturata."

Le sue visioni possono essere scatenate da qualunque cosa – un urlo o un oggetto che vede casualmente. La sua vita, perciò, ne è uscita irrimediabilmente compromessa:

"Le allucinazioni si sono prese la mia vita, soprattutto quando si tratta di situazioni sociali. Sin da quando avevo 18 anni, ho iniziato ad evitare di uscire per paura di avere allucinazioni in pubblico. Tra i 18 e i 39 anni le allucinazioni erano sporadiche, poi però sono peggiorate. Ne avevo anche tre a settimana, duravano circa 3 minuti ma mi lasciavano esausta."

Gina Frost ha mantenuto il segreto per 15 anni, non svelando la sua condizione nemmeno all'attuale marito, John Topliff, per paura che lui la lasciasse. Quando ha deciso di rivelare tutto al suo compagno, lui le ha consigliato di recarsi subito da un medico. Gina lo ha fatto ed è così che le è stato diagnosticato un disturbo da stress post traumatico. La situazione sembra stia migliorando:

"Da quando sto prendendo un farmaco, le mie allucinazioni sono diminuite molto. Le ho ancora, ma non come prima."

Jonah Hill non promuoverà più i suoi film:
Jonah Hill non promuoverà più i suoi film: "Soffro d'ansia e peggiora con le apparizioni sui media"
"La casa nella prateria": la famiglia Ingalls compie 40 anni
Costantino Vitagliano festeggia i 40 anni
Costantino Vitagliano festeggia i 40 anni
109.286 di Spettacolo Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni