"Sono piccoli problemi di cuore nati da un'amicizia che profuma d'amore". Chissà se ci sarà anche la sigla di Cristina D'Avena in apertura al film tratto dalla serie animata tra le più amate della nostra infanzia. Già, perché "Piccoli problemi di cuore" diventa un film, realizzato interamente in Giappone e che sarà pronto ad uscire nelle sale nei primi mesi del 2018. La pellicola manterrà il titolo originale del manga da cui è tratto l'anime: "Marmalade Boy".

La trama di Piccoli problemi di cuore.

È stato già annunciato il cast del film. A vestire i panni di Miki, la protagonista del cartone e del manga, sarà Hinako Sakurai mentre Yuri sarà interpretato da Ryo Yoshizawa. Dirige la pellicola Ryuichi Hiroki, che nel Sol Levante è noto soprattutto per i film "Vibrator" e "Tokyo Love Hotel". La storia del film parte dal momento in cui Miki, studentessa delle superiori, si ritrova ad affrontare il divorzio dei genitori e la forzata convivenza con Yuri, il figlio di una coppia di divorziati che per una curiosa coincidenza finiranno per innamorarsi con proprio con i genitori di Miki. Sarà proprio la condivisione di questo assurdo scambio di partner a far nascere qualcosa tra i due e a dare inizio ad una serie di equivoci sentimentali lungo il difficile percorso dell'adolescenza.

Il successo in Italia.

La serie animata, che ha compiuto i suoi primi 20 anni a gennaio, in Italia ha avuto un grandissimo impatto sulla cultura pop nazionale. In televisione gli ascolti per Italia1, che trasmetteva il cartone in esclusiva, sono stati altissimi al pomeriggio, con punte di share pari al 20%. Il merito del successo va ai temi trattati, su tutti il divorzio e la pacifica convivenza tra coppie di ex, un racconto che ha coinvolto grandi e piccini del tempo. Un fenomeno di grandissima portata al punto da subire un cambio in palinsesto quando, trasmesso in fascia preserale da Italia1, ci si rese conto che rubava ascolti al telegiornale di Canale 5.

La sigla di Cristina D'Avena.

Un grande successo, come per la maggior parte dei cartoni giapponesi arrivati in Italia, anche per la sigla scritta da Alessandra Valeri Manera e Franco Fasano e cantata dall'insostituibile Cristina D'Avena. Il brano è disponibile in diverse compilation compreso il "Greatest Hits" ufficiale di Cristina D'Avena.