4 Giugno 2021
18:29

Quentin Tarantino: “Penso continuamente a come finirò la mia carriera”

Quentin Tarantino è uno dei registi più amati d’America, che ha apposto la sua firma a dei veri e propri cult. Proprio per questa ragione è tormentato dall’idea che possa concludere la sua carriera con un film che non regga le aspettative e non sia all’altezza di quelli precedenti. Lo ha raccontato di recente anche in un podcast dove ha amabilmente conversato di cinema.
A cura di Ilaria Costabile

Gli appassionati di Quentin Tarantino lo sanno, il regista è ossessionato dall'idea di poter chiudere la sua carriera in bellezza e ne parla anche nel podcast Pure Cinema, dove sottolinea quanto sia importante per un regista dover fermare la sua carriera prima che sia troppo tardi e che, quindi, si ritrovi a firmare la regia di un film che non sia all'altezza delle aspettative che il pubblico ha sul suo conto.

Le parole di Quentin Tarantino

È cosa nota, infatti, che il regista da tempo annuncia che a breve metterà un punto alla sua carriera nel mondo del cinema, quando avrà raggiunto l'apice non solo del successo, ma anche del suo estro creativo. Rimarca questo concetto anche in una conversazione quasi completamente a ruota libera:

È una delle cose a cui penso tipo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Finire la carriera con un film decente è raro. Finirla con un film buono è un po' un evento… la maggior parte degli ultimi film dei registi sono proprio delle fottute loffie. […] Questo mi fa pensare che forse non dovrei fare un altro film, perché io sarei molto, molto felice di lasciare con C'era una volta… a Hollywood. È quello che mi frustra, un sacco di registi spaziali avrebbero dovuto lasciare alla grande tipo con la loro terzultima cosa, mi fa pensare per me stesso. Se Don Siegel si fosse fermato con Fuga da Alcatraz? Porco cazzo, che carriera!

La carriera dopo il cinema

Eppure il regista se anche dovesse mai decidere di lasciare il cinema al suo prossimo film, visto che attualmente siamo al numero nove e più di una volta aveva dichiarato che si sarebbe voluto fermare al decimo, altre strade sarebbe sicuramente spalancate per la sua creatività. Nei prossimi mesi, in America, uscirà il suo primo romanzo, che riprende la sua ultima fatica cinematografica, infatti si chiama "Once Upon a Time in Hollywood: The First Novel By Quentin Tarantino". Non mancano nemmeno le collaborazioni televisive, dal momento che, infatti, è già stato autore di alcune puntate della serie immaginaria Bounty Law e, inoltre, ha già prodotto uno spettacolo teatrale. Insomma, se proprio non dovesse continuare con il cinema, senza dubbio Quentin Tarantino avrebbe altri lidi da esplorare.

Quentin Tarantino e l’addio al cinema dopo il prossimo film: “Voglio smettere, ho dato tutto”
Quentin Tarantino e l’addio al cinema dopo il prossimo film: “Voglio smettere, ho dato tutto”
Morto Monte Hellman, grande regista americano e produttore de Le Iene di Tarantino
Morto Monte Hellman, grande regista americano e produttore de Le Iene di Tarantino
Tim Burton e Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma 2021
Tim Burton e Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma 2021
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni