Due talenti, per motivi diversi, che si incontrano. Roberto De Niro, probabilmente l'attore vivente migliore al mondo, ha fatto visita allo chef stellato Massimo Bottura, che con il suo locale Osteria Francescana a Modena, è stato eletto come migliore chef del mondo ai The World's 50 Best Restaurants. La visita di De Niro è stata puramente turistica: l'attore conosce bene queste zone, avendo girato proprio nel modenese il film Novecento, diretto da Bertolucci. Si è presentato sulla soglia del locale di Massimo Bottura in abiti casual, per visitare il locale più prestigioso al mondo e farsi presentare il menu dallo stesso chef. Inoltre, va sottolineato come, in maniera del tutto inattesa, dalla complicità che si è sviluppata tra i due sembra essere nata l'intenzione di creare nel Bronx, uno dei quartieri più poveri di New York ma più cari a Robert De Niro, un refettorio per meno abbienti che funga come l'equivalente di quanto Massimo Bottura aveva fatto con quello Ambrosiano, nato in occasione dell'Expo di Milano nel 2015. Lo stesso Bottura, postando una foto insieme a De Niro su Instagram, ha accennato all'idea.

Planning the new Refettorio in the Bronx!!! 2017 with Bob

A post shared by Massimo Bottura (@massimobottura) on

Massimo Bottura è il migliore chef al mondo

Trionfo dell'Italia ai The World's 50 Best Restaurants, considerati gli Oscar della gastronomia. La 15esima edizione dell'evento segna la vittoria assoluta dell'Osteria Francescana di Modena. Per il locale di Massimo Bottura è un successo senza precedenti: si tratta del primo italiano ad aver raggiunto la vetta della classifica. Un risultato meritato e a lungo atteso: il ristorante modenese era giunto secondo nella precedente edizione e terzo nel 2013 e nel 2014. La cerimonia, che quest'anno si è tenuta a New York, nella lussuosa cornice del Cipriani Wall Street, ha incoronato Bottura come migliore cuoco del pianeta. Nella sua cucina lo chef modenese riesce a fondere con creatività tradizione e sperimentazione, il gusto di infrangere le regole e un pizzico di ironia: questi gli ingredienti vincenti che hanno permesso a Bottura di ottenere l'ambito riconoscimento.