Questa volta a difendere il pianeta Terra dall'assalto degli alieni non ci sarà più Michael Jordan, per evidenti motivi anagrafici, ma il suo "erede diretto", il grandissimo LeBron James dei Cleveland Cavaliers. La notizia non è ancora confermata, ma gli indizi sono tanti. Il primo, la Warner Bros ha registrato un nuovo contratto per il brand di Space Jam. Il secondo, il campione di basket ha fatto sapere di aver firmato un contratto proprio con la Warner Bros, commentando che "così potrò realizzare il mio sogno". Che sarebbe, stando ad alcune ricostruzioni di interviste passate, quello di poter raccogliere il testimone di Michael Jordan in uno dei film d'animazione più amati degli ultimi 30 anni. In una delle sue ultime interviste, il campione ha dichiarato sulla possibilità di fare Space Jam 2:

È stato uno dei miei film preferiti per crescere. Se ne avessi la possibilità, sarebbe fantastico.

La Warner Bros, nel frattempo, protegge il progetto ma si coccola la star del basket, attraverso le parole del CEO Kevin Tsujihara:

LeBron James ha uno dei brand più potenti e conosciuti al mondo e siamo eccitati di poter fare qualcosa insieme. È una grande vittoria per i fan di tutto il mondo.

Il progetto dovrebbe essere proprio Space Jam 2, sequel del film che con un budget di 80 milioni di dollari riuscì ad incassare 90 milioni soltanto negli Stati Uniti e ben 230 milioni di dollari in tutto il mondo. Come accaduto nel primo film, dove oltre a Michael Jordan erano presenti nel cast altre stelle del basket dell'epoca, da Charles Barkley a Patrick Ewing, e il grande Bill Murray, tutti nel ruolo di se stessi, anche questa volta potrebbero esserci colleghi dell'Nba mischiate a stelle di Hollywood. Aspettando l'ufficialità, i fan hanno già fatto salire l'hype alle stelle, pubblicando possibili locandine del film.