3 Settembre 2014
18:11

Superstar del cinema che non volevano diventare attori (FOTO)

A tutti i bambini viene chiesto “cosa vorresti fare da grande?” e molti, oltre all’astronauta, al poliziotto o al medico, rispondono l’attore. Ecco molti grandi attori, da Clooney ad Angelina Jolie, passando per Richard Gere e la Lawrence, che da grandi avrebbero voluto fare tutt’altro.
A cura di Andrea Parrella

E' una domanda ricorrente, superfluo sottolinearlo, quella che si fa ad ogni bambino possibile, sino a quando non è diventato adulto, con un tono diverso e una risposta differente man mano che quel bambino cresce: Cosa vorresti fare da grande? Volendo immaginare dei dati balordi e poco attendibili dal punto di vista statistico, il 53% risponderà l'astronauta, il 22% il poliziotto o il pompiere, il resto si divide tra medici, avvocati ed altre variabili, senza considerare che ci sarebbe da fare una netta distinzione tra i desiderata dei maschi e quelli delle femmine. Sarebbe curioso se qualcuno riuscisse a portare a termine un test nel quale si ottiene il riscontro da parte di coloro che sono davvero diventati quello che sognavano di essere da bambini ed hanno provato a diventare durante l'adolescenza.

Una cosa è certa: molte di quelle star del cinema di cui sentiamo parlare 365 giorni all'anno,che riempiono le prime pagine dei giornali, che fanno il pieno ai botteghini o che vendono milioni di dischi, non avevano nemmeno lontanamente immaginato di diventare quello che sono diventati. Anzi, il destino e il loro percorso di studi avrebbe potuto portarli a fare mestiere totalmente diversi se sulla loro strada non avessero incontrato il mondo del cinema o della musica. Parliamo di nomi grossi, come Angelina Jolie, Matthew McCounaghey, Denzel Washington, George Clooney o Jennifer Lawrence. Tutta gente che oggi non riusciremmo ad immaginarci in altri luoghi se non sul set e che invece ci saremmo potuti trovare nel ruolo di primario in ospedale, in qualità di avvocato durante un'udienza, ad una conferenza stampa a fare domande per un giornale locale. Andiamo a vedere cosa avrebbero dovuto:

Matthew McCounaghey, premio Oscar 2014 per la sua superba interpretazione in "Dallas Buyers Club" e protagonista illustre di "True Detective", una delle serie televisive rivelazione dell'ultimo anno, intendeva fare l'avvocato prima di ritrovarsi alle prese con i ciak.

Jennifer Lawrence, sulla bocca di tutti negli ultimi giorni per lo scandaloso furto di foto hot private rubate dal suo smartphone, covava in sé il desiderio di fare la dottoressa. E non è un caso, visto che ha parlato più volte della celebrità come di qualcosa che non è esattamente capace a gestire.

Denzel Wahington, pluripremiato attore, noto per le magnifiche interpretazioni in Philadelphia, Hurricane, Training Day e tante altre pellicole famose, aveva studiato per anni al fine di diventare un giornalista. Visti i risultati, gli è andata benissimo così.

George Clooney, attore e regista, nonché uno dei personaggi di Hollywood più impegnati in cause umanitarie (tant'è che qualcuno prospetta una sua carriera politica in futuro), non voleva fare il dottore, come la sua partecipazione a E.R. potrebbe far pensare, non l'avvocato, come il suo perfetto Phisique du role farebbe credere, bensì aveva fatto di tutto per entrare a far parte dei Cincinnati Reds, la nota squadra della Major League americana di baseball.

Denny Devito ce lo ricordiamo per alcune interpretazioni notevoli e, soprattutto, per le sue caratteristiche fisiche che, miste a quelle attoriali, ne fanno un vero Charlot moderno del cinema. L'ironia della sorte vuole che l'attore, prima di diventarlo, avesse in realtà tutta l'intenzione di diventare un hairdresser, ovvero un parrucchiere.

Steve Buschemi abbiamo la possibilità di vederlo quasi tutti i giorni su Sky Atlantic nella serie tv Broadwalk Empire, ma molti lo ricordano per tanti ruoli negli anni scorsi, come quello ne "Le Iene" di Tarantino, solo uno dei grandi film cui ha preso parte. Ebbene, a testimoniarlo c'è anche materiale fotografico, prima di fare l'attore Buschemi aveva lavorato per diversi anni tra le fila dei vigili del fuoco, professione che in America pare avere non poco appeal.

Angelina Jolie doveva diventare una funeral director, qualcosa di maledettamente vicino alla direttrice di un'impresa di pompe funebri. Per l'attrice che negli ultimi giorni ha messo in atto uno dei matrimoni segreti-lampo più belli e modesti della storia dello spettacolo, e che è soprattutto uno dei personaggi più noti dello show business mondiale, è una cosa non poco curiosa.

– Richard Gere non aveva messo in conto di poter essere il perfetto esempio del gigolo americano, oppure di divenire un simbolo cinematografico in Pretty Woman, insieme a Julia Roberts, quando accettò una borsa di studio al college in ginnastica. Le sue doti atletiche erano evidentemente notevoli, ma il suo volto ammaliante ha avuto la meglio nel corso degli anni.

Richard Gere al Giffoni 2014:
Richard Gere al Giffoni 2014: "Consigli per diventare bravi attori? Fate i calzolai!"
Dumbo torna al cinema con gli attori in carne ed ossa
Dumbo torna al cinema con gli attori in carne ed ossa
Quentin Tarantino:
Quentin Tarantino: "Gli attori Marvel sono famosi per i loro personaggi, non sono star del cinema"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni