10 Maggio 2021
22:14

Tom Cruise restituisce tre Golden Globe: il gesto di protesta dopo le accuse di razzismo

Non si placa la polemica piombata sui Golden Globe e in particolare sulla Hollywood Foreign Press Association che li assegna. Dopo le accuse di razzismo e corruzione, anche Tom Cruise ha espresso la sua indignazione verso l’associazione con un gesto inaspettato. L’attore ha restituito tre Golden Globe.
A cura di Daniela Seclì
Immagine

"Tom Cruise ha restituito tre Golden Globe per unirsi alla protesta contro la Hollywood Foreign Press Association": Deadline dà la notizia e Variety la conferma. L'attore avrebbe deciso di restituire i riconoscimenti ricevuti, perché anche lui indignato per la mancata presenza nell'associazione di giornalisti neri o appartenenti a minoranze. La Hollywood Foreign Press Association conterebbe 90 membri. Dopo le accuse di razzismo e corruzione, la HFPA ha assicurato che inserirà presto tra i membri una percentuale di minoranze non ancora rappresentate. L'ex presidentessa Meher Tatna, intanto, ha dichiarato a Variety, di essere certa che non ci fossero membri neri già nel 2002, quando ha ricevuto lei l'incarico.

I premi restituiti da Tom Cruise

Immagine

Tom Cruise si è unito a coloro che hanno manifestato la propria indignazione per quella che appare come una discriminazione. L'attore, secondo quanto riportato da Deadline e Variety, avrebbe deciso di restituire tre Golden Globe: quello vinto come Miglior Attore per il film Jerry Maguire, quello vinto come Miglior Attore per Nato il quattro luglio (Born on the Fourth of July) e quello aggiudicatosi come Miglior attore non protagonista per il film Magnolia.

Anche Scarlett Johansson contro i Golden Globe

Immagine

In un comunicato pubblicato da Variety e Deadline, le parole di Scarlett Johansson: "Quando un attore promuove un film, partecipa anche alle conferenze stampa. In passato, questo spesso ha significato affrontare domande e osservazioni sessiste da parte di alcuni membri della Hollywood Foreign Press Association che sono stati al limite della molestia sessuale. È il motivo per cui per anni mi sono rifiutata di partecipare alle loro conferenze. A meno che non ci sia un cambiamento nell'organizzazione, credo sia arrivato il momento di fare un passo indietro rispetto alla HFPA e di focalizzarci sull'importanza e la forza dell'unità nel settore". Mentre la polemica si allarga, anche Netflix e Amazon hanno preso le distanze dai Golden Globe.

Immagine
Rivoluzione ai Golden Globe dopo accuse di razzismo ai neri e corruzione: cosa cambia
Immagine
Netflix e Amazon boicottano i Golden Globe, perché i premi rischiano di scomparire
Immagine
Golden Globe 2021, tutti i vincitori: trionfa Laura Pausini
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni