Toni Servillo è stato incluso nella lista dei 25 migliori attori del 21esimo secolo, redatta dal New York Times. Una grandissima soddisfazione per l'attore italiano di "La grande bellezza", "Il divo", "Gomorra" e "Le conseguenze dell'amore", che figura al settimo posto tra gli interpreti più significativi degli ultimi vent'anni.

Toni Servillo secondo il New York Times

Il paragrafo dell'articolo del NYT dedicato a Servillo omaggia ovviamente il suo Jep Gambardella in "La grande bellezza" ("Una versione più consolidata del festaiolo interpretato da Marcello Mastroianni in “La Dolce Vita” – un partecipante-osservatore distaccato, vagamente depresso in un vorticoso spettacolo di edonismo") e paragona il suo sodalizio con Paolo Sorrentino ad altri celebri della storia del cinema come De Niro/Scorsese, Loren/De Sica e Wayne/Ford: "Queste analogie sono insufficienti. Servillo è la personificazione della ricerca di Sorrentino sulla corruzione e sull'ipocrisia – ma anche sull'improbabile gloria e l'assurda resilienza – dell'Italia moderna". Il quotidiano americano ricorda anche le sue incarnazioni di Giulio Andreotti ne “Il Divo” e Silvio Berlusconi in "Loro" ("Come se lo stesso attore fosse stato scelto sia per Richard Nixon che per Barack Obama, o per Winston Churchill e Margaret Thatcher"), lodandone le interpretazioni che hanno segnato il cinema non solo italiano.

Né "Il Divo" né "Loro" sono film biografici convenzionali e Sorrentino non è realista. Questi film raccontano il teatro del potere e Servillo, con un trucco grottescamente artificiale, assomiglia a un burattino o a un cartone animato politico. Sottolinea l'astuzia serpeggiante e la vanità segreta di Andreotti e la disinvoltura e l'autocommiserazione di Berlusconi. Anche se non siete esperti della leggendaria tradizione politica italiana, potete sentire la selvaggia energia comica di queste esibizioni e il fuoco morale al loro interno. Queste sono persone reali! Queste cose – omicidi, tangenti, doppi giochi, orge – sono accadute davvero!

I 25 migliori attori degli ultimi 20 anni

Questa la lista completa del New York Times, che vede Denzel Washington al primo posto, seguito da Isabelle Huppert. L'elenco comprende nomi largamente attesi come Daniel Day-Lewis, Julianne Moore, Joaquin Phoenix e Tilda Swinton, ma è molto variegato e vede attori di diverse etnie e nazionalità, lontano da un'idea di cinema americanocentrico e all white. Per esempio, troviamo il bravissimo Song Kang Ho di "Parasite", la cinese Zhao Tao e la coreana Kim Min-hee, la latinoamericana Sonia Braga e persino un attore nativo americano, l'immenso caratterista Wes Studi ("Balla coi lupi" e "L'ultimo dei Mohicani", visto più di recente in "Hostiles").

  1. Denzel Washington
  2. Isabelle Huppert
  3. Daniel Day-Lewis
  4. Keanu Reeves
  5. Nicole Kidman
  6. Song Kang Ho
  7. Toni Servillo
  8. Zhao Tao
  9. Viola Davis
  10. Saoirse Ronan
  11. Julianne Moore
  12. Joaquin Phoenix
  13. Tilda Swinton
  14. Oscar Isaac
  15. Michael B. Jordan
  16. Kim Min-hee
  17. Alfre Woodard
  18. Willem Dafoe
  19. Wes Studi
  20. Rob Morgan
  21. Catherine Deneuve
  22. Melissa McCarthy
  23. Mahershala Ali
  24. Sonia Braga
  25. Gael García Bernal