Il Torino Film Festival 2020 segna una rivoluzione per la manifestazione giunta alla 38esima edizione. Come nel caso della Mostra di Venezia, non salterà a causa del coronavirus ma si svolgerà regolarmente, dal 20 al 28 novembre. Alla versione in presenza si affiancherà però anche un programma online, per coinvolgere gli spettatori  che non saranno a Torino. Primo tra i grandi festival cinematografici italiani (sulla scia di manifestazioni più piccole già passate allo streaming), il TFF approderà dunque in una sala virtuale di 500 posti, realizzata in collaborazione con la piattaforma di MyMovies.

TFF38: cosa vedremo online

Se già Venezia aveva fatto qualcosa di simile mostrando in streaming alcuni film delle sezioni minori, in questo caso sarà infatti possibile vedere tutti i film in concorso. Saranno inoltre disponibili online anche le masterclass, le conferenze stampa, numerosi contributi video inediti, le attività didattiche e alcuni incontri in via di definizione. L'intenzione della direzione del festival guidato da Stefano Francia di Celle sembra essere quella di mantenere questa natura ibrida anche nelle prossime edizioni. Al tempo stesso, la kermesse sarà ancora più radicata sul territorio, con un festival diffuso e un maggior coinvolgimento delle realtà locali.

The Truffle Hunters e l'omaggio a Franca Valeri

Il programma dettagliato dei film non è ancora noto, ma sappiamo che come evento speciale si terrà la proiezione del documentario "The Truffle Hunters", dedicato alla vita di alcuni anziani cercatori del tartufo d’Alba, ai loro rituali e al rapporto con i cani e con il territorio. Diretto da Michael Dweck e Gregory Kershaw, il film si avvale della produzione esecutiva di Luca Guadagnino ed è stato presentato allo scorso Sundance Film Festival. L'evento è in collaborazione con la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba e con l’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero. Inoltre, non mancherà un omaggio alla grande Franca Valeri da poco scomparsa, con l’anteprima mondiale del doc "Zona Franca".

Le masterclass

Sei importanti masterclass arricchiranno la manifestazione, alla presenza di personalità importanti del cinema mondiale. Questo l'elenco:
– Imprevedibile Stefania con l'attrice Stefania Sandrelli e il produttore Andrea Occhipinti, a cura di Massimo Sordella
– Spedizione torinese con il regista russo Aleksandr Sokurov e i suoi allievi, a cura di Alena Shumakova
– La natura nel cinema con Giorgio Diritti e Paolo Pejrone, a cura di Gian Luca Favetto
– Formare le nuove generazioni di filmmaker e attivisti con il regista iraniano Mohsen Makhmalbaf, a cura di Fedra Fateh e Vahid Rastgou
– Cinema e uguaglianza sociale per un mondo più giusto e sostenibile con Waad Al Kateab (regista di "Alla mia piccola Sama") e Taghi Amirani, a cura di Fedra Fateh
– Women in film: le voci in evoluzione delle donne nel cinema, ospiti in via di definizione, a cura di Fedra Fateh

Nasce il premio Stella della Mole

In questa edizione particolare, gli organizzatori hanno deciso di istituire il premio che verrà assegnato ai vincitori. Sarà la Stella della Mole, un riconoscimento assimilabile al Leone d'Oro di Venezia, alla Palma d'Oro di Cannes, all'Orso d'Oro di Berlino o al Pardo di Locarno. Il premio è realizzato in alluminio con la tecnologia dell’Additive Manufacturing (grazie alla collaborazione del Politecnico di Torino e con il coinvolgimento di Competence Industry Manifacturing 4.0) e si ispira alla la stella a dodici punte che orna la sommità della Mole Antonelliana.

I luoghi del Festival

Come dicevamo, la manifestazione amplia il suo raggio e si espande in un numero di location molto superiore al passato. I 12 luoghi del festival saranno la Mole Antonelliana–Museo Nazionale del Cinema; le sale Cinema Massimo, Ambrosio Cinecafè, Cinema Classico; le sale di Comunità Acec Teatro Monterosa, Cinema Teatro Agnelli, Cineteatro Baretti; la Film Commission Torino Piemonte; l'Accademia Albertina di Belle Arti; il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano; la Fondazione per la Scuola della Compagnia San Paolo-IC Rita Levi Montalcini Scuola Pascoli; Xké. Il laboratorio della curiosità; MUSA; Le Roi Dancing; Villa d’Agliè; La Stella in città. La Rai è main media partner del festival.