Daniel Espinosa approda nelle sale con lo sci-fi “Life – Non oltrepassare il limite”, con un cast di sole stelle composto da Jake Gyllenhaal, Ryan Reynolds e Rebecca Ferguson. Gore Verbinski, invece, propone l’atteso thriller-horror psicologico “La cura dal benessere”. Con Dane DeHaan, ma al cinema di saranno anche “Elle”, di Paul Verhoeven, con la straordinaria Isabelle Huppert; la commedia di Giovanni Veronesi “Non è un paese per giovani”, con Filippo Schicchitano e Giovanni Anzaldo; la commedia sentimentale “Slam – Tutto per una ragazza”, diretta da Andrea Molaioli, basata sul romanzo “Tutto per una ragazza”, di Nick Hornby e “Vieni a vivere a Napoli!”, film ad episodi diretto da Edoardo De Angelis, Guido Lombardi e Francesco Prisco che ha come scopo quello di mostrare la multietnicità della città e l’apertura verso gli immigrati.

Life – Non oltrepassare il limite”: Il film racconta la storia dell'equipaggio di una stazione spaziale internazionale in procinto di fare una delle scoperte più importanti della storia: raccogliere la prima prova di una vita terrestre su Marte. Quando l'equipaggio inizia a svolgere le prime ricerche sul campione, capirà di trovarsi di fronte una forma di vita più intelligente del previsto.

La cura dal benessere”: Un ambizioso giovane è stato mandato ad incontrare il CEO della sua azienda in un idilliaco ma altrettanto misterioso ""centro benessere"" situato in una località remota sulle alpi Svizzere. Capirà molto presto che i trattamenti miracolosi della spa non sono quello che sembrano e rimarrà intrappolato nel centro. La sua stessa salute mentale sarà messa a dura prova quando scoprirà di essere affetto dallo stesso malanno che ha colpito gli altri ospiti.

Elle”: Michèle è una di quelle donne che niente sembra poter turbare. A capo di una grande società di videogiochi, gestisce gli affari come le sue relazioni sentimentali: con il pugno di ferro. Ma la sua vita cambia improvvisamente quando viene aggredita in casa da un misterioso sconosciuto. Imperturbabile, Michèle cerca di rintracciarlo. Una volta trovato, tra loro si stabilisce uno strano gioco. Un gioco che potrebbe sfuggire loro di mano da un momento all'altro.

Non è un paese per giovani”: Sandro ha poco più di vent’anni, è gentile, a volte insicuro e il suo sogno segreto è diventare uno scrittore. Luciano invece è coraggioso e brillante, ma con un misterioso lato oscuro. S’incontrano tra i tavoli di un ristorante dove lavorano entrambi come camerieri. Come tanti loro coetanei, Sandro e Luciano sentono che la loro vita in Italia non ha alcuna prospettiva. Si scelgono istintivamente e decidono, presi da un’euforica incoscienza, di cercare un futuro per loro a Cuba, la nuova frontiera della speranza dove tutto può ancora accadere. Il progetto è quello di aprire un ristorante italiano che offra ai clienti il WiFi – ancora raro sull'isola- grazie alle nuove ma limitate concessioni governative. Con Nora, la strana ragazza che li aspetta all’Avana come un destino, scopriranno che esiste anche un modo glorioso di perdersi, che darà un senso profondo alla fatalità che li ha fatti incontrare. Attraverso scelte pericolose, violente, incontri necessari e addii pieni di silenzio, Non è un paese per giovani racconta la tenacia e la bellezza di una generazione che anche se privata di un luogo dove diventare grandi non si lascia spegnere.

Slam – Tutto per una ragazza”: Samuele, “Sam”, ha sedici anni e una grande passione per lo skateboard. Passa le sue giornate con gli amici tra salti, evoluzioni e cadute, e coltiva un'amicizia tutta immaginaria con il suo eroe, Tony Hawk, il più grande skater di tutti i tempi. Sam vorrebbe andare all'università, viaggiare, magari vivere in California. Vorrebbe soprattutto essere il primo della sua famiglia a non inciampare nell'errore di diventare genitore a sedici anni, come è capitato a sua mamma e a sua nonna. È però difficile sfuggire al singolare destino della sua famiglia specie quando incontra Alice, lei è meravigliosa e sembra rappresentare tutto ciò che desidera.

Vieni a vivere a Napoli!”: In “Nino e Yoyo", Anna, una donna napoletana, fa da baby sitter a Chang, un bimbo cinese, per racimolare qualche soldo in più a fine mese. Tutto prosegue bene, fino a quando, la donna vince un viaggio e lascia il bimbo a suo fratello, Nino, di professione portiere e a cui i cinesi non vanno proprio a genio. Alla fine, però, con Chang cambierà decisamente idea.  La protagonista di "Luba" è, appunto, Luba Volkova, una giovane donna che nel suo paese, l’Ucraina, era una nota presentatrice televisiva. Dopo che il marito, un politico, finisce in carcere, si ritroverà a doversi trasferire a Napoli, costretta a badare ad un anziano burbero e pieno di acciacchi. Dopo un incidente, dovuto ad una distrazione, sarà licenziata, ritrovandosi a vagare, sola e di notte, per le strade di Napoli. In "Magnifico Shock", il protagonista è Amila Diggamaralalage Bagga Lankapira, un giovane che viene assunto in un bar per portare la colazione negli uffici circostanti. Unica regola: farsi pagare sempre. Purtroppo, non sarà sempre facile, per lui, farla rispettare. Tre racconti che disegnano un moderno manifesto del cinema partenopeo. Un omaggio all'intera città, vista come capitale di accoglienza e d'integrazione multietnica. Una città abitata da un popolo tradizionalista che incontra culture diverse.