Il fisico mozzafiato e gli occhi da cerbiatta l’hanno fatta diventare una delle attrici più desiderate dagli italiani. Manuela Arcuri compie 40 anni l’8 gennaio e e da quasi tre è diventata mamma, ma il suo sex-appeal è rimasto inalterato. Regina delle fiction (ne ha girate circa 18) e delle commedie al cinema con Pieraccioni, Panariello, Salemme e Vanzina, la Arcuri è stata recentemente sul grande schermo con “Non si ruba a casa dei ladri” mentre, a breve, la rivedremo sul piccolo schermo ne “Il bello delle donne… alcuni anni dopo”.

Da “I laureati” di Pieraccioni alla serie tv “Anni ‘60”.

La Arcuri è nata ad Anagni, in provincia di Frosinone, ma è cresciuta a Latina, dove ha frequentato prima il liceo artistico e poi l’Accademia d’Arte Drammatica “Pietro Scharoff”, di Roma. Già a 15 anni, inizia a fare la modella per fotoromanzi e, nel 1993, compare nel film “Diario di un vizio”, di Marco Ferreri. Due anni dopo, Pieraccioni la sceglie per la parte di una ballerina sadomaso nel suo “I laureati” e Pappi Corsicato la vuole per una piccola parte ne “I buchi neri”. Anche Carlo Verdone si accorge di lei e la include nel cast del blockbuster “Viaggi di nozze”(1995). Nel 1996 gira ben tre commedie – “Gratta e vinci”, di Ferruccio Castelnuovo; “Uomini senza donne”, diretta da Angelo Longoni e “A spasso nel tempo”, di Carlo Vanzina – ma sempre in ruoli piccoli o secondari. Nel 1997 prende parte alla serie tv “Disokkupati” e, nello stesso anno, è Giorgio Panariello a regalarle la notorietà grazie al film “Bagnomaria” e al ruolo di Mara, la procace venditrice di bomboloni. Nel 1999, è nel cast del film “Voglio stare sotto al letto”, di Bruno Colella e della serie tv “Anni ‘60”.

Il calendario, il Festival di Sanremo 2002 e le commedie al cinema.

Sempre nel 1999, compare in topless sulla celebre rivista Max e, l’anno dopo è la protagonista di un calendario sexy per GenteViaggi e, nel 2001, posa nuda anche per Panorama. La sua notorietà è alla stelle e viene arruolata come conduttrice di “Mai dire gol”(2001) e affiancherà Pippo Baudo e Vittoria Belvedere al Festival di Sanremo 2002. Al cinema, la vedremo in “Teste di cocco”(2000), di Ugo Fabrizio Giordani; “A ruota libera”(2000), diretto da Vincenzo Salemme e “Giovanna la pazza”(2001), per la regia di Vicente Aranda. Nel 2002, sul lungomare di Porto Cesareo le è stata dedicata anche una statua mentre, nel 2003, ha condotto con successo un’edizione di “Scherzi a parte”, accanto a Teo Teocoli e Anna Maria Barbera.

Le grandi fiction e il ritorno con “Il bello delle donne… alcuni anni dopo”.

Dal 2002 al 2005 ha interpretato il ruolo del carabiniere Paola Vitali nella serie tv “Carabinieri” e gira anche i film tv “Imperia, la grande cortigiana”(2005) e “Regina di fiori”(2005). Nel 2006, Salvatore Samperi le affida il ruolo di Nella nella fiction “L’onore e il rispetto”, accanto a Gabriel Garko e Virna Lisi, seguita dai film tv “Donne sbagliate”(2007) e da altre serie come “Io non dimentico”(2008), “Mogli a pezzi”(2008) e “So che ritornerai”(2009). Nel 2007, compare anche nei videoclip della canzone “Somewhere here on Earth”, di Prince e di “Ancora qui”, di Renato Zero. Nel 2010, è la volta della fiction “Caterina e le sue figlie 3”, sempre con Virna Lisi ed è, poi, Carmen Tabacchi Fontamara ne “Il peccato e la vergogna”(2010-2014), con Gabriel Garko, col quale gira anche la fiction “Sangue caldo”(2011). Finalmente, nel 2013, riesce ad ottenere il ruolo di protagonista assoluta della miniserie “Pupetta – Il coraggio e la passione”. Dopo relazioni lunghe con Francesco Coco e Aldo Montano (e altri presunti flirt o brevi storie con personaggi dello spettacolo), nel 2010, l’attrice si fidanza con l’imprenditore Giovanni Di Gianfrancesco, dal quale, nel 2014, ha avuto il figlio Mattia. Nel novembre 2016, è tornata sul grande schermo con la commedia “Non si ruba a casa dei ladri”, di Caro Vanzina, mentre dal 13 gennaio 2017 sarà nel cast de “Il bello delle donne… alcuni anni dopo”.