Esattamente 40 anni fa, il 1°aprile 1977, usciva nelle sale tedesche “I due superpiedi quasi piatti”, commedia diretta da E.B. Clucher, con i grandissimi Bud Spencer e Terence Hill, coppia d’oro del cinema di quegli anni. I due attori sono nei panni di Wilbur (Spencer) e Mattn (Hill), due disoccupati che a Miami decideranno di dare una svolta alla loro situazione facendo una rapina. Purtroppo, il destino non è dalla loro, dato che sbagliano indirizzo e si ritrovano nell'ufficio reclutamento della polizia. Decidono, quindi, di arruolarsi per sviare i sospetti e, in  seguito, ne faranno di tutti i colori per farsi cacciare, anche se, con i loro metodi poco ortodossi, risolveranno un caso misterioso e incastreranno una pericolosa banda di trafficanti di droga.

Gli ingredienti del successo.

La coppia tornò a recitare insieme per la nona volta, dopo un periodo di pausa, rincontrando Enzo Barboni (il regista e sceneggiatore), che li aveva portati al successo con le pellicole di “Trinità”. Il successo fu immediato e, ad oggi, “I due superpiedi quasi piatti”, è considerata forse la commedia migliore di tutti gli altri 15 lungometraggi girati assieme. Il merito è anche di uno script ancora più ricco di gag; nella maggiore cooperazione e confidenza tra i due protagonisti, che raggiungono realmente un’alchimia perfetta; nella miriade di scazzottate che finiscono per definire nettamente il predominio dei buoni sui cattivi. É impossibile non ricordare la straordinaria colonna sonora dei grandissimi Guido e Maurizio De Angelis, cornice perfetta che fa scorrere i 112 minuti di durata in maniera quasi impercettibile.

Spencer e Hill e la disavventura con la polizia a Miami.

La maggior parte delle riprese si è svolta in Florida (tranne due scene a Roma e Milano) e, a tal proposito, gli attori hanno raccontato che la polizia di Miami ha rischiato di sparargli perchè la produzione non li aveva avvisati delle riprese in corso e, quindi, Spencer e Hill risultavano essere dei finti poliziotti che scorrazzavano in macchina per le strade di Miami. Altra curiosità, che forse non tutti sanno, e che i protagonisti principali, nella versione italiana – uscita il 6 aprile dello stesso anno – sono doppiati dai grandi Pino Locchi (Matt Kirby/Terence Hill), Glauco Onorato (Wilbur Walsh/Bud Spencer), Ferruccio Amendola (Capitano McBride/David Huddleston) e Sergio Fiorentini (Fred Clyne/Luciano Catenacci).