3 Gennaio 2013
21:15

A Royal Weekend, in guerra e in amore non esistono regole

Nel 1939 il presidente Roosevelt e sua moglie Eleanor ospitano La regina Elisabetta e Giorgio VI. L’incontro diplomatico,però, presto lascia spazio all’affair sentimentale tra Roosevelt e sua cugina Daisy Suckley.
A cura di Ciro Brandi
A Royal Weekend

Il regista Roger Michell (“Venus”, “Il buongiorno del mattino”) porta nelle nostre sale la sua nuova commedia storica “A Royal Weekend”, dopo averla presentata all’ultimo Toronto Film Festival, lo scorso settembre. La pellicola narra fatti realmente accaduti alla fine degli anni ’30 e ricompare la figura di Giorgio VI, sovrano d’Inghilterra già protagonista della pluripremiata pellicola “Il discorso del re”, con Colin Firth. Adesso la prospettiva cambia e la storia ruota intorno al Presidente americano Franklin Delano Roosevelt, interpretato da uno strabiliante Bill Murray, più in forma che mai.

La trama

A Royal Weekend

Nel giugno del 1939, il presidente americano Franklin Roosevelt  e sua moglie Eleanor ospitano nella loro residenza di Hyde Park la regina Elisabetta e il marito Giorgio VI, primi sovrani d'Inghilterra in visita ufficiale negli Stati Uniti, alla ricerca di un alleato per affrontare la difficile guerra contro la Germania nazista. Durante quel weekend, però, gli affari di Stato si mescolarono con quelli sentimentali quando tra Roosevelt e Daisy Suckley, sua lontana cugina, nasce qualcosa che va oltre il bene parentale.

Il cast

Bill Murray

Gli eccezionali attori che compongono il cast sono: Bill Murray (Franklin Delano Roosevelt), Laura Linney (Margaret Suckley), Olivia Williams (Eleanor Roosevelt), Olivia Colman (Elizabeth Bowes-Lyon), Elizabeth Marvel (Missy), Blake Ritson (Johnson), Samuel West (Re Giorgio VI), Elizabeth Wilson (Mrs Roosevelt), Martin McDougall (Qualters) e Tim Beckmann (Aida I).

Oltre le colline c’è il conflitto tra amore e fede di Alina e Voichita
Oltre le colline c’è il conflitto tra amore e fede di Alina e Voichita
Ligabue
Ligabue "re" di Londra, sold out alla Royal Albert Hall
L'appello di Piero Angela:
L'appello di Piero Angela: "Esistono tanti futuri possibili, dipende da noi quale vogliamo scegliere"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni