4 Settembre 2012
10:44

“Acciaio” con Michele Riondino porta il lavoro in fabbrica a Venezia

Michele Riondino si conferma tra i più bravi attori della sua generazione con “Acciaio” di Stefano Mordini, il regista che già con “Provincia Meccanica” provò a dare un’immagine “europea” al cinema italiano.
acciaio-michele-riondino

Alla Mostra di Venezia applausi scroscianti per l'anteprima di Acciaio, fuori concorso per le Giornate degli Autori, il nuovo film di Stefano Mordini che riprova, anni dopo il meraviglioso Provincia Meccanica, a dare al cinema italiano un'impronta mitteleuropea. Il film, tratto dal romanzo omonimo di Silvia Avallone, racconta la storia di un operaio e di due adolescenti legati da un rapporto profondo, unendo location apparentemente distanti: l'industriale Piombino e la turistica Isola d'Elba.

Michele Riondino è la star indiscussa del film, insieme al ciclo dell'acciaio ovviamente. Unisce un'interpretazione curata nei minimi dettagli ad un grande fisique du role, confermandosi tra i migliori attori della nuova generazione italiana. E' un film a metà tra il cuore e la ragione, con la periferia di Piombino a fare da sfondo malinconico. Bellissime le scene di repertorio, grande il lavoro di sceneggiatura che rende il film in un certo senso differente dal romanzo, pur restituendo con genuinità tutte le suggestioni evocative.

L’Acciaio della fabbrica di Mordini arriva nelle sale italiane
L’Acciaio della fabbrica di Mordini arriva nelle sale italiane
E’ stato il figlio, Daniele Ciprì è il primo italiano in concorso a Venezia 69
E’ stato il figlio, Daniele Ciprì è il primo italiano in concorso a Venezia 69
Bella Addormentata - Clip Esclusiva
Bella Addormentata - Clip Esclusiva
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni