28 Luglio 2013
17:23

Anche ai Box Office, “Wolverine” non è più “immortale”

Delusione ai Box Office: le stime parlavano di 70 milioni di dollari soltanto nel primo weekend, non arriverà ai 50. Risultato comunque buono, grazie agli incassi in worldwide, ma da uno degli eroi Marvel più amati è lecito aspettarsi di più.

"Wolverine: l'Immortale" non sfonda negli States. In attesa dei risultati italiani, che non dovrebbero essere altrettanto incoraggianti, quelli americani segnalano che l'eroe della Marvel non è assistito bene dal pubblico, ma soprattutto da sceneggiatori e registi. La critica l'ha praticamente stroncato e, se le prime stime prevedono un incasso di oltre 70 milioni solo nel primo weekend, dopo il debolissimo esordio, seguito da un venerdì nero per il cinema americano e da un sabato altrettanto noioso, le stime si sono ridotte a 50 milioni di dollari.

Il risultato resta buono, considerando che è costato circa 100 milioni di dollari. Con gli incassi worldwide, quindi, arriverà tranquillamente ad un attivo più che soddisfacente, ma resterà comunque un risultato a metà. Un film, un franchise, che ha il dovere di fare di più, soprattutto dal lato stilistico e narrativo. In questo è mancato "Wolverine: l'Immortale", la scommessa sarà ritentarci, rilanciandolo a tutto tondo, dando finalmente la giusta dimensione e la dignità, che per adesso latita, ad uno dei personaggi più amati di sempre. Cercando anche di ricompensare gli sforzi, per ora vanificati, di un sincero ed onesto Hugh Jackman.

Hugh Jackman: 5 curiosità sul protagonista di “Wolverine: L’Immortale”
Hugh Jackman: 5 curiosità sul protagonista di “Wolverine: L’Immortale”
Wolverine sexy ma non immortale, Hugh Jackman ha paura dell'infarto
Wolverine sexy ma non immortale, Hugh Jackman ha paura dell'infarto
“Wolverine – L’immortale”: il nuovo trailer, la trama e il cast
“Wolverine – L’immortale”: il nuovo trailer, la trama e il cast
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni