Anthony Hopkins ha vinto il premio Oscar come miglior attore protagonista per The Father, in italiano Nulla è come sembra, alla 93esima edizione dei Premi Oscar, andata in scena domenica 25 Aprile, ma ha disertato la cerimonia. Una vittoria a sorpresa, quella dell'attore britannico (assente alla cerimonia), dal momento che tutti pronosticavano un trionfo postumo per Chadwick Boseman, il compianto attore di Ma Rainey’s Black Bottom scomparso prematuramente a causa di un tumore nel 2020. Per Hopkins è il secondo Oscar, dopo quello conquistato per Il silenzio degli innocenti nel 1992: a 83 anni, è l'attore più anziano mai premiato come miglior protagonista. Non è stata un'annata cinematografica come le altre, ma anche in tempi di pandemia c'era grande attesa intorno alla cerimonia degli Oscar 2021 assegnati nella notte tra il 25 e il 26 aprile al Dolby Theatre di Los Angeles (i vincitori degli Oscar).

Anthony Hopkins vincitore per The Father

A conquistare l'Academy, l'interpretazione in The Father nei panni di un uomo che vede la sua vita distruggersi progressivamente a causa dell'Alzheimer. Il film è diretto da Florian Zeller e ha vinto anche la statuetta per la miglior sceneggiatura non originale, scritta da Christopher Hampton  e dallo stesso Florian Zeller. Nel cast anche Olivia Colman, candidata come miglior non protagonista. Hopkins, di nazionalità britannica, non ha presenziato alla cerimonia, né da Los Angeles né in collegamento da Londra e il suo premio è stato ritirato da Joaquin Phoenix, vincitore lo scorso anno del medesimo premio con Joker, che ha presentato la categoria. Perché tale assenza? Per quanto sia attivo sui social, Hopkins sembra essere refrattario alle cerimonie di premiazione: partecipò a quella del 1992 in cui vinse per il ruolo di Hannibal Lecter, ma ha disertato anche i Bafta 2021 che l'hanno visto vincere, sempre per The Father, evitando anche di apparire in streaming. Il Los Angeles Times ha ipotizzato che la scelta di restare nel natio Galles e non recarsi neppure al British Film Institute di Londra potrebbe essere dovuta al Covid: l'attore, che ha scelto un lockdown molto stringente, avrebbe preferito non rischiare.

UPDATE: qui il messaggio di Hopkins, che ha ringraziato l'Academy e reso omaggio a Chadwick Boseman.

Gli attori in nomination

Oltre a Hopkins per il suo ruolo in The Father, tra i candidati c'era appunto Boseman, per Ma Rainey’s Black Bottom, sua ultima interpretazione nei panni di un musicista (un personaggio immaginario) nel film sulla regina del blues anni 20 Ma Rainey. Gary Oldman, vincitore tre anni fa di un Oscar per il suo ritratto di Winston Churchill in L’ora più buia, è tornato nella cinquina dei nominati grazie al ruolo in Mank, film diretto da David Fincher (Netflix). Dove interpreta Herman J. Mankiewicz, sceneggiatore del capolavoro di Orson Welles Quarto potere. E ancora, tra i nominati, Riz Ahmed per la performance nel film Sound of Metal e Steven Yeun per quella in Minari.

La morte prematura di Chadwick Boseman

La presenza di Chadwick Boseman nella cinquina degli attori è stato certamente il modo per celebrare e ricordare uno degli attori più talentuosi della sua generazione, morto prematuramente nell'agosto 2020 a causa di un cancro al colon. L'attore si era spento nella sua casa di Los Angeles attorniato dalla sua famiglia, ma in maniera assolutamente imprevista, visto che erano in pochi a sapere della sua malattia, nonostante all'attore il cancro fosse stato diagnosticato 4 anni fa. Un periodo lungo, durante il quale, pur essendosi sottoposto a cure ed interventi chirurgici, non ha mai abbandonato il lavoro ed ha portato a termine i progetti ai quali stava lavorando.