video suggerito
video suggerito

Auguri a Massimo Troisi, oggi avrebbe compiuto 60 anni

E’ nato il 19 febbraio del 1953 Massimo Troisi e oggi, nel giorno dei suoi 60 anni, cerchiamo di ricordare l’eccezionale artista e il grande uomo che era, attraverso una sorta di cordone ombelicale che ci consente di sopperire alla sua mancanza fingendo che sia ancora qui.
A cura di Eleonora D'Amore
3.249 CONDIVISIONI
massimo troisi in scusate il ritardo

19 Febbraio 1953, San Giorgio a Cremano, in una casetta "umile ma onesta" nasce Massimo Troisi, da Alfredo Troisi, macchinista ferroviario, e da Elena Andinolfi, casalinga. Con i suoi cinque fratelli ha un rapporto splendido, sebbene le sue velleità artistiche lo distacchino non poco dal loro stile di vita circoscritto nella periferia di Napoli e da quelle consuetudini dettate dal "paese", che lo vorrebbero ben presto col posto fisso e padre di svariati bambini. Lui però non vuole tutto questo, Massimo vuole scrivere, recitare, ridere e far ridere. La passione per le tavole del palcoscenico lo ha condotto, da giovanissimo, a scoprire dapprima lo sfavillante mondo della televisione e poi quello del cinema, dal quale non riuscì mai più a separarsi.

E non riuscì mai più a separarsi da lui anche quel pubblico che lo aveva spiato in sordina nei piccoli teatri partenopei, poi seguito in tv come protagonista di un meraviglioso "Luna Park" e infine portato al successo nelle sale gremite dei maggiori cinema italiani. Lo amavamo e lo amiamo ancora, legati inesorabilmente a lui da un cordone ombelicale difficile da spezzare e attraverso il quale continuiamo a fare finta che sia ancora qui, con la sua maschera da timido Pulcinella e quelle smorfie capaci di esprimere la sua essenza più bella. Una smorfia che oggi stenta a diventare sorriso, mortificata dalla sua assenza.

E' andato via troppo presto, lo abbiamo esclamato tutti quel 4 giugno 1994, quando un attacco di cuore se lo portò via nel sonno. Oggi è il suo compleanno, Massimo Troisi avrebbe compiuto 60 anni e ci avrebbe probabilmente omaggiati di tanti altri capolavori, sporadici sì, ma mai affidati al caso. Odiava la serialità della sue opere, lo racconta la sua compagna artistica e di vita Anna Pavignano nel libro "Oltre il respiro", odiava mostrarsi sempre con i soliti stereotipi e riprodurre in serie la sua arte, preferiva farsi attendere anche per anni purché l'applauso ricevuto alla fine di ogni sua opera risultasse sincero e non il frutto di un repertorio ormai metabolizzato.

Questa capacità gli ha consentito di reinventarsi agli occhi del pubblico e di rimanere impresso nella nostra memoria con volti e sfumature sempre diverse, le stesse che oggi associamo al suo nome e che ci permettono di ricordarlo rapiti da un'incessante standing ovation e sicuri che la sua unicità garantirà l'immortalità non solo dell'artista ma soprattutto dell'uomo. Auguri Massimì, ovunque tu sia.

3.249 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views