1.752 CONDIVISIONI
7 Giugno 2020
17:44

Carlo Verdone pubblica una foto con Massimo Troisi: “Ero l’unico che riusciva a portarlo al cinema”

Carlo Verdone pubblica una foto che lo ritrae insieme a Massimo Troisi, all’inizio degli Anni Ottanta, intenti ad assistere ad una proiezione cinematografica. A distanza di tre giorni dal ventiseiesimo anniversario dalla sua scomparsa, il regista romano lo ricorda così, sorridente e in uno dei posti che più amava al mondo: il cinema. Un modo per ricordarlo attraverso un messaggio fondamentale e cioè che la sala è l’unico luogo di condivisione culturale che ci è rimasto, sperando di poterci tornare in sicurezza quanto prima.
A cura di Ilaria Costabile
1.752 CONDIVISIONI

Il 15 giugno è prevista la riapertura delle sale cinematografiche e gli addetti ai lavori stanno aspettando questo momento da ormai tre mesi, nonostante sia difficile pensare ad un rientro in sala mediato dalle misure si sicurezza. A sperare che questo ritorno possa avvenire quanto prima e, soprattutto, garantendo la sicurezza di tutti è uno dei grandi protagonisti del cinema italiano: Carlo Verdone. L'attore romano, però, lo fa pubblicando uno scatto memorabile, più unico che raro, che lo vede insieme ad un sorridente Massimo Troisi. A tre giorni dal ventiseiesimo anniversario della scomparsa del grande attore napoletano, è proprio uno dei suoi più cari amici a ricordarlo nel luogo che amava più di tutti e a cui ha dedicato fino agli ultimi istanti della sua vita: il cinema.

Carlo Verdone ricorda Massimo Troisi

La scomparsa di Massimo Troisi non necessita di anniversari per poter essere ricordata, non ha bisogno di scadenze, è un qualcosa che è tace nell'animo di chi ha potuto conoscerlo. Ed è un po' quello che ricorda Carlo Verdone, nel pubblicare uno scatto insolito dei due giovanissimi attori, immortalati in una sala romana, ma saltando la convenzione di ricordarlo nel giorno stabilito, bensì servendosi di un momento delicato come quello che sta vivendo il settore dello spettacolo dopo l'emergenza coronavirus. Non c'è augurio migliore che quello di poter tornare in sala fatto da due grandi nomi del cinema italiano, due artisti che hanno costruito la loro vita tra il teatro e la macchina da presa e hanno fatto del grande schermo un modo di parlare indistintamente al pubblico, rendendoli unici. Ed ecco cosa scrive il regista romano su Facebook, ricordando che il cinema è uno dei pochi posti di reale condivisione culturale che abbiamo e in quanto tale è giusto custodirlo:

Con Massimo Troisi al cinema.
Pigro, geniale, lento, creativo e spiritoso come pochi, Massimo usciva molto poco da casa. Ero l' unico che riusciva a portarlo al cinema. Ma si raccomandava di andare sempre al primo spettacolo, non voleva essere assalito dalle persone. Ma quel giorno la sala era piena pure alle 15,30. Non ricordo quale film fosse, di sicuro eravamo al cinema Gioiello, piccola sala sulla via Nomentana. Un paparazzo ci seguì e scattò questa foto. E che ora un mio amico fotografo, trovata nel suo archivio, mi regala. Prendiamo questo scatto dei primi anni '80 come l'auspicio di poter tornare in sala in piena sicurezza. La sala è il tempio del cinema. Uno dei pochi luoghi a noi rimasti di aggregazione e condivisione. Buona giornata a tutti. Carlo Verdone

1.752 CONDIVISIONI
Lo sfogo di Carlo Verdone: "Basta con il politicamente corretto, faremo meno ridere"
Lo sfogo di Carlo Verdone: "Basta con il politicamente corretto, faremo meno ridere"
Carlo Verdone: "Un film sulla pandemia? Ci sto pensando, riproporrei una sorta di Furio"
Carlo Verdone: "Un film sulla pandemia? Ci sto pensando, riproporrei una sorta di Furio"
Carlo Verdone: "Resto fan di grandi artisti come Morricone e Troisi, mi tengo stretta la mia umanità"
Carlo Verdone: "Resto fan di grandi artisti come Morricone e Troisi, mi tengo stretta la mia umanità"
3.412.614 di Spettacolo Fanpage
La giuria di Italia's got talent 2022: fuori Joe Bastianich, entra Elio
La giuria di Italia's got talent 2022: fuori Joe Bastianich, entra Elio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni