18 Novembre 2015
14:05

Charlie Sheen sieropositivo: “Con un contratto obbligava le sue partner sessuali a tacere”

Un’ex assistente dell’attore ha dichiarato che Charlie Sheen obbligava le donne con cui faceva sesso, a firmare un contratto di riservatezza. Ha spiegato, poi, che la vita della star di “Due uomini e mezzo” era fatta di giorni trascorsi in una stanza buia con droghe e prostitute.
A cura di D.S.

Da ieri tutti i riflettori sono puntati su Charlie Sheen. L'attore – dopo aver ricevuto minacce da chi conosceva il suo segreto – ha deciso di togliersi questo peso e svelare in televisione di essere sieropositivo. Ha spiegato di aver pagato oltre 10 milioni di dollari per chiudere la bocca a chi intendeva rendere pubblico il suo stato di salute. In queste ore, una sua ex assistente ha rivelato ulteriori dettagli su quello che è stato lo stile di vita della star di "Due uomini e mezzo", negli ultimi anni.

Secondo quanto sostenuto dalla donna in un'intervista rilasciata ad una radio australiana, Sheen avrebbe trascorso gli ultimi anni rinchiuso nella sua casa ad Hollywood, chiamando delle prostitute per avere un po' di compagnia.

"Vive in una casa da 20 milioni di dollari ma preferisce starsene in una piccola stanza, con la porta chiusa. È un angolo scuro dove si rintana con le sue droghe e prova a sopravvivere. Non va mai in giardino. Se ne resta sempre rinchiuso lì".

"Charlie Sheen vive rinchiuso in una stanza con droga e prostitute"

Secondo quanto affermato dall'ex assistente, l'attore avrebbe riscosso un bel po' di denaro proprio al fine di pagare le prostitute e la droga:

"Era un fan della cocaina. Poi pagava quelle zoc*ole anche 50 mila dollari se le piacevano, dava loro una retribuzione per la compagnia e ovviamente per il sesso. È molto solo, fa una vita triste".

Ha spiegato, poi, che più di una volta, la terza moglie di Sheen – Brooke Mueller – avrebbe minacciato di rendere pubblico il suo segreto. Infine, ha rivelato che l'attore avrebbe fatto firmare alle donne con cui faceva sesso, un contratto tramite il quale le invitava alla riservatezza. InTouch Weekly ha pubblicato quel contratto. Chiunque rendesse pubbliche informazioni su Charlie Sheen ritenute confidenziali avrebbe dovuto corrispondere all'attore 100.000 dollari.

Le ex di Charlie Sheen pronte a fargli causa: "Non ci ha detto dell'HIV"

Alcune ex dell'attore sarebbero pronte a fargli causa. Si sarebbero già messe in contatto con uno studio legale californiano. Il loro scopo è quello di citare l'attore per aver inflitto intenzionalmente uno stress emotivo, per frode, e trasmissione colposa di una malattia a trasmissione sessuale. Tra coloro che lo accusano c'è Bree Olson. La donna sostiene di non essere stata messa al corrente della malattia di Charlie Sheen:

"Solo perché sono una professionista del sesso, non significa che non sono un essere umano. Ho una famiglia, ho un futuro, faccio un mucchio di cose buone e credo che se tu provi a portarmele via, dovresti sapere quello che stai facendo. Non è stato dato valore alla mia vita. Fortunatamente, oggi si fa abbastanza prevenzione per proteggersi da persone che hanno contratto l'HIV".

Charlie Sheen conferma in diretta:
Charlie Sheen conferma in diretta: "Si, sono sieropositivo"
È Charlie Sheen la star di Hollywood sieropositiva, lo annuncerà in diretta tv
È Charlie Sheen la star di Hollywood sieropositiva, lo annuncerà in diretta tv
Charlie Sheen sieropositivo, il padre Martin lo difende:
Charlie Sheen sieropositivo, il padre Martin lo difende: "Ammirate il suo coraggio"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni