4 Marzo 2014
15:49

Cory Monteith e James Avery dimenticati nella notte degli Oscar 2014

Nella notte degli Oscar 2014 non c’è stato spazio per ricordare due lutti importanti: quello della star di “Glee” e del mitico di Zio Phil de “Il principe di Bel-Air”.
A cura di G.D.

Cory Monteith e James Avery, due grandi star scomparse tra il 2013 e il 2014 al quale il pubblico è rimasto molto legato. Due attori che, però, non hanno trovato spazio nel tributo che gli organizzatori della notte degli Oscar 2014 hanno realizzato nel corso della cerimonia. Perché? Forse perché all'Academy Awards hanno voluto frettolosamente archiviare lo zio Phil de "Il principe di Bel Air" e il bel quaterback Finn di "Glee" come personaggi del piccolo schermo, mentre sul grande schermo del Dolby Theatre passavano i nomi e i volti di Paul Walker, James Gandolfini, Tom Laughlin, Karen Black, Jim Kelly, Richard Griffiths e Sid Caesar.

James Avery è scomparso il 31 dicembre 2013 a seguito di alcune complicazioni successive ad un'operazione al cuore. Will Smith commentò la sua morte con profonda tristezza ma anche con grande orgoglio per aver lavorato al suo fianco, ma il buon vecchio "Zio Phil" non è stato dimenticato perché a lui sarà dedicato il nuovo teatro della University of California di San Diego. Cory Monteith, scomparso a soli 31 anni a causa di un mix letale di eroina ed alcool, non è stato dimenticato dai suoi fan che hanno protestato nei confronti dell'Academy Awards che, molto frettolosamente, ha dovuto riparare alla dimenticanza, inserendo il suo nome e il suo volto nella gallery commemorativa sul sito ufficiale.

Lea Michele su Cory Monteith:
Lea Michele su Cory Monteith: "So che lui mi guarda, è la mia forza"
La prima copertina di Lea Michele dopo la morte di Cory Monteith
La prima copertina di Lea Michele dopo la morte di Cory Monteith
Il nuovo video di Lea Michele è dedicato a Cory Monteith:
Il nuovo video di Lea Michele è dedicato a Cory Monteith: "Mi ha dato la forza" (GUARDA)
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni