27 Aprile 2010
08:02

Cosa voglio di più: Favino, Rohrwacher e le passioni difficili

Dopo la presentazione al Festival di Berlino, esce venerdì 30 in quasi 300 copie Cosa voglio di più, il film di Silvio Soldini con Pierfrancesco Favino e Alba Rohrwacher.
A cura di Emanuele Rauco
Favino e Rohrwacher in Cosa voglio di più

E’ uno dei registi migliori e più attenti del panorama italiano, tanto che con un suo precedente film – Giorni e nuvole del 2007, on Antonio Albanese e Margherita Buy – aveva in un certo senso anticipato la crisi economica e il tema del precariato. Silvio Soldini (Pane e tulipani) torna con Cosa voglio di più ad ampliare quel tema, stavolta in chiave passionale e sentimentale, raccontando “l’amore ai tempi della crisi” in un film che, dopo aver scaldato dal gelo il Festival di Berlino, esce venerdì 30 nelle sale italiane.

“Era un’esigenza mia e di chi aveva visto Giorni e nuvole continuare a raccontare storie che, attraverso sentimenti e famiglia, facessero sentire il tempo che viviamo” dichiara Soldini che, ispiratosi ai racconti di una sua conoscente impiegata, racconta dell’amore adultero tra Anna, impiegata assicurativa, e Domenico cameriere, e le difficoltà legate al rapporto con le loro famiglie, ma anche con le situazioni sociali. “E’ sicuramente uno dei temi la crisi – dice Pierfrancesco Favino, protagonista del film e candidato ai David di Donatello come attore non protagonista per Baciami ancora di Muccino– ma credo sia un film a più strati, che parla anche delle qualità diverse dell’amore, del senso sociale dell’amore, del pericolo che alcune condizioni pratiche influenzino le condizioni emotive. Ed è stato positivo che Silvio trattasse questi temi senza pietismi”.

A Soldini, “piace lasciare delle tracce allo spettatore da dover decifrare, su cui riflettere, magari anche nei giorni successivi” ed è molto bravo a dosare gli elementi del racconto, a concentrarsi sui dettagli, a rendere il disagio dei personaggi. Quello è un po’ manca nel film è l’urgenza del racconto, l’amalgamarsi di due testi che diano lo spessore profondo della pellicola. Però è un film apprezzabile, anche perché oltre a Favino, va sottolineata la duttilità di Alba Rohrwacher, e l’inaspettata presenza sensuale, e la composizione di un cast omogeneo (tra cui Giuseppe Battiston, il Dr.Freiss di Tutti pazzi per amore), anche se appena sottotono. Soldini voleva raccontare i dettagli della quotidianità, i contesti di un racconto che all’apparenza può sembrare banale ma che in realtà nasconde i segreti dell’intimità: e in sostanza c’è riuscito, anche se il suo talento rischia di mangiarsi il film.

Emanuele Rauco

Alba Rohrwacher vince la solitudine dei numeri primi con 10 kg in meno
Alba Rohrwacher vince la solitudine dei numeri primi con 10 kg in meno
Non ditelo a Enrico Montesano: il nuovo film di Favino è su Todaro, eroe della X Mas
Non ditelo a Enrico Montesano: il nuovo film di Favino è su Todaro, eroe della X Mas
Favino candidato agli European Film Awards come miglior attore per il film Nostalgia di Martone
Favino candidato agli European Film Awards come miglior attore per il film Nostalgia di Martone
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni