La miniserie tv del 1990, diretta da Tommy Lee Wallace e tratta dal romanzo cult di Stephen King, uscito nel 1986, racconta la storia di It, una creatura demoniaca che si aggira per Derry, una cittadina del Maine, assumendo gli aspetti più disparati e uccidendo i bambini trasformandosi in un agghiacciante clown, chiamato Pennywise. La creatura torna ogni 27 anni e, dopo la morte del piccolo Georgie, sette ragazzi capitanati dal fratello del bimbo ucciso, Bill Denbrough, formano la “Banda dei Perdenti” per combatterlo. I ragazzi lo sconfiggono negli anni ’60 ma It tornerà negli anni ’90 e loro saranno sempre lì ad attenderlo. La miniserie è stata mandata in onda anche come film tv unico, riscuotendo un enorme successo di pubblico, ma ci sono 5 curiosità che ancora non sapevate.

1. Tim Curry voleva rifiutare per le troppe ore di trucco

Inizialmente, Tim Curry non voleva accettare il ruolo di Pennywise perché odiava l'idea di sottoporsi ad estenuanti ore di trucco. L’attore era rimasto scioccato dalle lunghissime sessioni di make-up già ai tempi di “Legend”(1985), di Ridley Scott, dove aveva il ruolo de il Signore delle Tenebre. Per convincerlo, il regista gli disse che non l’avrebbe fatto sotterrare sotto chili di trucco e che avrebbe minimizzato almeno la quantità.

2. Stephen King avrebbe scritto una miniserie da 32 ore

Lo scrittore Stephen King, all’epoca, disse che se avesse scritto lui la sceneggiatura, al posto di Lawrence D. Cohen e Wallace, sarebbe venuta fuori una miniserie di circa 32 ore.

3. La parte dei bambini migliore di quella degli adulti

Il regista Tommy Lee Wallace ha sempre dichiarato che la seconda parte del film non è emotivamente impattante come la seconda, semplicemente perché gli adulti non sono così magnetici come i bambini, soprattutto nelle scene dello scontro con Pennywise.

4. Le morti di Jonathan Brandis e John Ritter

Forse non tutti sanno che Jonathan Brandis, che interpreta il giovane Bill Denbrough, e John Ritter, nei panni di Ben Hanscom da adulto, sono morti nel 2003. Il primo, famoso anche per “La storia infinita 2”, si è impiccato a soli 27 anni mentre il secondo ha subito un arresti cardiaco provocato da dissecazione aortica mentre era sul set della serie tv “8 semplici regole”.

5. Le scene della fogna girate in un’acciaieria arrugginita

Le scene cult nella fogna sono state girate, in realtà, in un'acciaieria. Il regista fece molta attenzione affinché gli attori adulti non toccassero nulla perché intorno c’erano centinaia di costruzioni arrugginite e c’era un forte pericolo d’infezioni da tetano.