35 CONDIVISIONI

Curiosità “Non sposate le mie figlie!”: il film non è uscito in USA perché ritenuto troppo razzista

Philippe de Chauveron, nel 2015, portava nelle sale la storia di una famiglia cattolica conservatrice che sarà sconvolta dalle scelte amorose “avverse” delle 4 figlie. Il film è stato un vero e proprio caso cinematografico, incassando 130 milioni di euro solo in Europa, ma ci sono 5 curiosità che non sapevate.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Ciro Brandi
35 CONDIVISIONI
Immagine

Il regista Philippe de Chauveron, nel 2015, è sbarcato nelle nostre sale con la spassosa commedia “Non sposate le mie figlie!” con protagonisti i grandi Christian Clavier, Chantal Lauby e le quattro “figlie” interpretate da Frédérique Bel, Elodie Fontan, Julia Piaton e Emilie Caen. Clavier e la Lauby sono Claude e Marie Verneuil, una coppia cattolica e conservatrice che ha cresciuto quattro figlie secondo i principi di tolleranza, integrazione e apertura. Il destino, però, li mette a dura prova perchè la primogenita decide di sposare un musulmano, la seconda un ebreo e la terza un cinese. Tutte le speranze sono riposte sulla figlia minore che “sembra” aver scelto un bravo ragazzo cattolico. La pellicola è stata un caso cinematografico in Francia e all’estero incassando solo in Europa più di 130 milioni di euro. Ci sono, però, 5 curiosità che dovete sapere.

1. Christian Clavier si è ispirato a Robert De Niro

Christian Clavier ha detto che, per il suo personaggio, si è ispirato a Robert De Niro in “Mi presenti i tuoi?” perché si tratta di un individuo che ha le sue pecche, è un conservatore, ma si salva grazie a un'ironia mordace, ma anche a Louis De Funès nella commedia “Le folli avventure di Rabbi Jacob”.

2. Il regista ha preso spunto dalle statistiche sui matrimoni misti

Philippe de Chauveron ha scritto il film, con Guy Laurent, dopo aver scoperto che statisticamente i francesi sono i campioni del matrimonio misto. Infatti, il 20% delle unioni civili del paese avvengono tra persone di diversa origine. Il regista conosce molto bene questa realtà perché anche suo fratello ha sposato una donna di origine nordafricana.

3. Il personaggio di Marie ispirato alla madre del regista

Per il personaggio di Marie (Chantal Lauby), Chauveron si è ispirato a sua madre che insegnava catechismo ai bambini.

4. Il genero tunisino simile a George Clooney

Per il ruolo di David Maurice Isaac Benichou, il genero ebreo tunisino, il regista voleva un attore seducente ma allo stesso tempo divertente, e così ha scelto l’attore Ary Abittan, che per de Chauveron rappresenta il mix perfetto tra George Clooney e il grande Francis Blanche.

5. In USA non è stato distribuito perché ritenuto troppo razzista

"Non sposate le mie figlie!” ha avuto un successo clamoroso in moltissimi paesi del mondo, tranne in USA e Inghilterra, dove non è proprio stato distribuito. In USA, specialmente, la pellicola è stata ritenuta troppo razzista, al di là dell’aspetto assolutamente ironico e satirico con cui sono state trattate le tematiche d’integrazione e tolleranza di tutte le etnie. D’altra parte, la stessa diatriba ci fu anche per il blockbuster “Quasi amici”, che ebbe una distribuzione limitata negli Stati Uniti.

35 CONDIVISIONI
Curiosità “Blood Father”: Sylvester Stallone doveva dirigere e interpretare il film
Curiosità “Blood Father”: Sylvester Stallone doveva dirigere e interpretare il film
Curiosità “Lasciati andare”: Toni Servillo nel film indossa delle pance finte
Curiosità “Lasciati andare”: Toni Servillo nel film indossa delle pance finte
Curiosità “Ti va di ballare?”: nel film c’è un cameo del vero maestro di danza Pierre Dulaine
Curiosità “Ti va di ballare?”: nel film c’è un cameo del vero maestro di danza Pierre Dulaine
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni