Due anni fa usciva nelle nostre sale “Quasi amici”, film di Olivier Nakache e Eric Toledano, ispirato alla vera storia del tetraplegico Philippe Pozzo di Borgo (autore di “Le Second Souffle”) e del suo aiutante domestico Yasmin Abdel Sellou, che nel film viene chiamato Driss. I due protagonisti principali sono François Cluzet e Omar Sy e il film ottenne, sin da subito, un successo clamoroso che spinse milioni di spettatori ad affollare le sale. “Quasi amici” è uno di quei film che non smetteremmo mai di vedere, ma qui di seguito vi elenchiamo 5 curiosità che forse anche non sapevate.

1. Basato su una storia vera

Come già detto, il film è tratto da una storia vera e, infatti, la pellicola termina con alcune immagini dei veri protagonisti della vicenda. Delle didascalie nei titoli di coda raccontano la vita di Abdel Yasmin Sellou e di Philippe Pozzo di Borgo, rispettivamente il "badante" e il disabile, dopo il loro addio. Philippe adesso vive in Marocco, dove si è risposato e ha avuto due bimbi. Abdel, invece, è riuscito addirittura ad aprire una propria impresa e ha avuto 3 figli.

2. La nomination ai Golden Globe 2013

Quasi amici” ottenne anche una meritata nomination ai Golden Globe 2013 per il Miglior film straniero, ma fu  battuto in corsa dallo straordinario e struggente “Amour” di Michael Aneke (Austria) che, poche settimane dopo, vinse anche l’Oscar.

3. Il secondo film francese di maggior successo di tutti i tempi

A sole nove settimane dalla sua uscita in Francia (2 novembre 2011), “Quasi amici” è diventato il secondo film francese di maggior successo di tutti i tempi, dopo la commedia del 2008, “Giù al Nord”. Da noi uscì il 24 febbraio 2012 e ha incassato 14.961.389 euro. Esattamente 2.495.738 spettatori hanno visto il film infatti, è risultato essere il film francese di maggior successo.

4. La carriera internazionale di Omar Sy

Omar Sy, l’attore di origini senegalesi e mauritane, grazie al ruolo di Driss, vinto il prestigioso Premio César per il migliore attore e grazie al successo di “Quasi amici”, Hollywood gli ha aperto le porte, scritturandolo per  “X-Men: Giorni di un futuro passato” e, prossimamente, lo vedremo anche in “Jurassic World”, di Colin Trevorrow.

5. Il remake americano

Il grande clamore suscitato dalla pellicola ha fatto si che i grandi registi e le major  s’interessassero ad un eventuale remake americano della pellicola. Poco tempo dopo l'uscita della pellicola, Paul Feig prese in mano le redini del progetto e voleva come protagonista del film Colin Firth, ma la produzione si è poi arenata.