Shawn Levy, nel 2014, portava nelle sale “Notte al museo 3 – Il segreto del faraone”, ultimo capitolo della trilogia iniziata nel 2006. Stavolta, Larry Daley (Ben Stiller), guardiano notturno di musei, dopo le magiche esperienze vissute a New York e Washington, deve volare fino alla National Gallery di Londra per un’impresa senza precedenti. L’uomo dovrà impedire che la tavola d'oro del faraone egiziano Ahkmenrah (Rami Malek) si corroda ulteriormente e finisca per perdere il potere che anima di notte tutte le attrazioni dei musei. Ad aiutarlo ci saranno i soliti personaggi storici che si animeranno nuovamente per portare a termine l’arduo compito. Ecco 5 curiosità sul film che ancora non sapevate

1. Il film è dedicato alla memoria di Robin Williams e Mickey Rooney

La pellicola è dedicata alla memoria degli indimenticabili Robin Williams, nel film Theodore Roosevelt, e Mickey Rooney, che interpreta il ruolo di Gus. Il primo è mancato l’11 agosto 2014 invece il secondo il 6 aprile 2014.

2. Due X-Men nei panni di Lancillotto e Re Artù

Dan Stevens (Lancillotto) e Hugh Jackman (Re Artù), oltre a “Una notte al museo 3”, sono stati entrambi X-Men. Jackman è, infatti, il mitico Wolverine e Stevens è il protagonista della serie “Legion”, prodotta dalla Marvel Television, in cui interpreta il ruolo di David Haller.

3. Il cameo dei figli di Ben Stiller

Attenzione perché, nel film, compaiono in un breve cameo anche i figli di Ben Stiller. Sono i ragazzini che fissano Larry e la sua strampalata banda a bordo dell’autobus.

4. La mamma del faraone ha solo 6 anni in più

Anjali Jay, nel film Shepseheret, madre di Ahkmenrah (Rami Malek) in realtà ha solo 6 anni in più dell’attore.

5. Gli incassi e le nomination

Il film ha incassato circa 363 milioni di dollari, partendo da un budget di 127. Il primo capitolo ne aveva incassati 574 mentre il secondo 413. “Notte al museo 3 – Il segreto del faraone” è stato, però, anche candidato ai Kid’s Choice Awards per il Miglior attore (Ben Stiller) e ai Teen Choice Award come Miglior commedia e Miglior attore (sempre Stiller).