9 Dicembre 2017
10:59

Curiosità “The Help”: Katy Perry doveva essere Celia Foote al posto di Jessica Chastain

Tate Taylor, nel 2011, portava al cinema la storia di Eugenia Skeeter Phelan (Emma Stone), una ragazza di Jackson che voleva diventare scrittrice per raccontare la storia delle discriminazioni razziali a cui sono costrette le donne di colore. Il film è stato pluripremiato ma ci sono 5 cose che dovete ancora sapere.
A cura di Ciro Brandi

Il regista Tate Taylor, nel 2011, assoldò Emma Stone, Viola Davis, Bryce Dallas Howard, Jessica Chastain e Octavia Spencer per portare sul grande schermo il romanzo “L’aiuto”, scritto dalla sua amica d’infanzia Kathryn Stockett, nel 2009. Con "The Help", Il regista ci porta nello stato del Mississippi degli anni ’60 per narrare la storia di Eugenia Skeeter Phelan (Stone), una ragazza di Jackson, che dopo aver terminato gli studi ha l'intenzione di diventare un giorno scrittrice e raccontare la storia delle discriminazioni razziali a cui sono costrette le donne di colore che, come Aibileen (Davis) e Minny (Spencer), da sempre si prendono cura delle famiglie della zona. La ragazza rivoluzionerà con le sue interviste per un libro la vita di amici e concittadini, costretti a rivedere le loro convinzioni. La pellicola è stata un successo planetario assoluto, ma ci sono 5 curiosità che dovete ancora sapere.

1. Katy Perry doveva essere Celia Foote

Inizialmente, per il ruolo di Celia Foote, al posto di Jessica Chastain, il regista e la produzione avevano scelto la cantante Katy Perry, che però dovette però abbandonare per dedicarsi alla promozione del disco “Teenage Dream”. La parte andò, quindi, alla Chastain, alla quale fu chiesto di aumentare il proprio peso. L’attrice raccontò che, essendo vegana, cominciò a mangiare gelato di soia sciolto nel forno a microonde per prendere peso velocemente.

2. L’ambientazione a Jackson, Greenwood e Greenville

Il film è ambientato nella città di Jackson, nello Stato del Mississippi. La maggior parte delle riprese, però, si è svolta a Greenwood, sempre nel Mississipi, molto simile alla Jackson degli anni ’60, e a Greenville.

3. “The Living Proof”, capolavoro di Mary J. Blige

La cantante Mary J. Blige ha inciso e interpretato, appositamente per la pellicola, il brano “The Living Proof”. La straordinaria canzone è stata nominata anche ai Critics' Choice Movie Award e ai Golden Globe come Migliore canzone originale.

4. Sissy Spacek guardava già “Sentieri”

In una scena del film, la signora Walters, interpretata dalla grande Sissy Spacek, guarda una puntata della soap “Sentieri”(in originale, “The Guiding Light”), in onda in tv già dal 1952.

5. Gli incassi e i premi

“The Help” è riuscito ad incassare quasi 217 milioni di dollari in tutto il mondo, partendo da un budget iniziale di 25 milioni. Tra la cascata di premi portati a casa, spiccano il Golden Globe e l’Oscar, come Migliore attrice non protagonista, ad Octavia Spencer ma ottenne anche le nomination come Miglior film e Viola Davis e Jessica Chastain furono candidate ai Golden Globe e agli Oscar come Migliori attrici.

"Vorrei che mia sorella autistica smettesse di essere vittima di bullismo": una ragazzina commuove Katy Perry
704 di ViralVideo
Curiosità “Un amore senza fine”: Emma Roberts doveva essere la protagonista femminile
Curiosità “Un amore senza fine”: Emma Roberts doveva essere la protagonista femminile
Curiosità “Adaline – L’eterna giovinezza”: Gabriele Muccino doveva essere il regista del film
Curiosità “Adaline – L’eterna giovinezza”: Gabriele Muccino doveva essere il regista del film
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni