20 Maggio 2018
21:47

Curiosità “The Legend of Tarzan”: Emma Stone doveva essere Jane

Nel film di David Yates, del 2016, sono passati anni da quando Tarzan (Alexander Skarsgård) ha lasciato la giungla per una vita signorile, accanto a Jane. L’uomo, però, viene invitato di nuovo in Congo, senza sapere di essere una pedina in una convergenza mortale di avidità e vendetta. Ecco 5 curiosità che ancora non sapevate.
A cura di Ciro Brandi

David Yates è il regista di “The Legend of Tarzan”, trasposizione cinematografica delle avventure del personaggio creato da Edgar Rice Burroughs e uscita nelle nostre sale nel 2016. Nel film di Yates, sono passati anni da quando Tarzan (Alexander Skarsgård) ha lasciato le giungle d'Africa per vivere una una vita signorile col nome di John Clayton III, accanto alla sia amata moglie, Jane (Margot Robbie). L’uomo, però, viene invitato di nuovo in Congo come rappresentante commerciale del Parlamento, senza sapere di essere una pedina in una convergenza mortale di avidità e vendetta, ideata dal capitano belga Léon Rom (Christoph Waltz). Ma il capitano non ha idea di quello che è in procinto di scatenare. Il film è il risultato di una mega produzione che ha impiegato un budget di circa 180 milioni di dollari. Ci sono però 5 curiosità che probabilmente non sapevate.

1. David Yates aveva in mente solo Alexander Skarsgård

Il regista David Yates (contrariamente alla produzione) ha dichiarato che l’attore Alexander Skarsgård è sempre stato la sua prima scelta per il ruolo di Tarzan e ha costruito il personaggio, praticamente, su di lui. Secondo Yates, Trovare un ottimo attore, con un ottimo corpo, come quello di Alex, era molto difficile. Il Tarzan che aveva in mente era alto e possente e lui ha sempre amato e la verticalità di Alex, il suo equilibrio e la sua grazia.

2. La dieta ferrea e il training sfiancante di Skarsgård

Alexander Skarsgård  ha detto che era molto nervoso prima di iniziare la dieta e il training per diventare Tarzan e che per lui era una sfida enorme. L'allenatore Magnus Lygdback ha confessato che, inizialmente, Skarsgård, seppur fisicamente molto allenato, non era pronto e aveva poca definizione muscolare. Ma grazie ad un duro allenamento quotidiano (andato avanti per 4 mesi) i suoi addominali d’acciaio sono venuti fuori proprio come volevano. Inoltre, per cinque mesi (prime e durante le riprese) ha dovuto evitare tutti i grassi e, dopo l’ultimo ciak, la troupe gli ha regalato una torta.

3. Emma Stone doveva essere Jane

Il ruolo di Jane Porter Clayton, inizialmente, era stato proposto ad Emma Stone, ma l’attrice ha rifiutato per altri impegni. La parte, allora, è andata alla bellissima Margot Robbie che ha rifiutato di girare “A Bigger Splash” di Luca Guadagnino.

4. Stellan Skarsgård, grande fan di Tarzan

Alexander Skarsgård ha detto di aver accettato la parte per far contento anche suo padre, il famoso Stellan, grande fan e appassionato delle avventure di Tarzan. Insieme hanno visto tutti i film del mitico Johnny Weissmuller, degli anni ’70 e per Skarsgård è stato una fonte d’ispirazione incredibile, anche se non ha mai pensato di competere con lui perché il suo personaggio è più una sorta di supereroe che non ha bisogni di armi speciali ma solo della sua forza fisica.

5. Il film è dedicato alla memoria del produttore Jerry Weintraub

Il film è dedicato alla memoria del famoso produttore Jerry Weintraub, morto per un attacco cardiaco il 6 luglio 2015. “The Legend of Tarzan”, infatti, è stato il suo ultimo film.

Rhaenyra e Alicent, le donne di House of the Dragon e il loro rapporto rivelato da Emma D'Arcy
Rhaenyra e Alicent, le donne di House of the Dragon e il loro rapporto rivelato da Emma D'Arcy
Curiosità “Un amore senza fine”: Emma Roberts doveva essere la protagonista femminile
Curiosità “Un amore senza fine”: Emma Roberts doveva essere la protagonista femminile
Curiosità “The Best of Me – Il meglio di me”: il protagonista doveva essere Paul Walker
Curiosità “The Best of Me – Il meglio di me”: il protagonista doveva essere Paul Walker
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni