A febbraio di quest'anno è scoppiata la polemica attorno a Woody Allen. La figlia Dylan Farrow, in una lettera pubblicata dal New York Times, accusava il regista di aver abusato di lei quando aveva sette anni. La replica del diretto interessato non si è fatta attendere. Allen ha smentito categoricamente tutte le accuse, definendole "false e scandalose".

Nella lettera, Dylan criticava anche Diane Keaton, per aver celebrato Woody Allen durante la cerimonia dei Golden Globe. All'attrice diceva: "Diane Keaton, mi conoscevi quand’ero bambina. Ti sei dimenticata di me?". In queste ore, la Keaton è tornata sull'argomento. Secondo quanto riportato da TMZ, avrebbe dichiarato ad una rivista britannica, che Dylan è solo in cerca di copertine, ma non è arrabbiata con lei per aver fatto il suo nome nella missiva.

"Cosa hanno intenzione di fare? Chi altro vogliono tirare in ballo, in questa storia? Devono trascinare dentro qualcuno. Non sono risentita, nemmeno un po'."

Il giornalista, però, ha insistito sulla questione, facendole notare che Mia Farrow l'ha pubblicamente accusata di difendere un molestatore. A proposito, Diane Keaton ha dichiarato:

"Non ho niente da dire su questo. Eccetto: io credo al mio amico."