Donald Trump il mondo liberal (e notoriamente anti-repubblicano) di Hollywood proprio non riesce ad andare giù. Da sempre il presidente americano non manca di mandare critiche e frecciatine all'industria cinematografica del suo Paese e il suo obiettivo stavolta è nientemeno che l'Academy, "colpevole" di aver assegnato l'Oscar a un film non americano. La pellicola trionfatrice, com'è noto, è "Parasite" del sudcoreano Bong Joon-ho, vincitore dei premi come miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura originale e miglior film straniero. Si tratta del primo film in lingua non inglese ad aver vinto il riconoscimento più importante. Una scelta duramente contestata dall'inquilino della Casa Bianca, che ha parlato in un comizio in Colorado:

Quanto hanno fatto male gli Academy Awards quest'anno… Abbiamo avuto tanti problemi con la Corea del Sud per il commercio, e loro l'hanno premiata con il premio al miglior film dell'anno…È stato giusto? Non so…Forse è tempo di tornare ai classici dell'epoca d'oro di Hollywood. Possiamo tornare a Via col Vento, per favore?

Donald Trump contro Brad Pitt

Insomma, l'attenzione degli Oscar al film di Bong già premiato con la Palma d'Oro a Cannes non è piaciuta a Trump, che invece di felicitarsi per come l'Academy ha allargato i suoi orizzonti geografici dopo 92 edizioni (premiando peraltro quella che di fatto è la pellicola migliore dell'anno), ha preferito mantenere la propria visione nazionalista. Da notare che Trump ha attaccato pure Brad Pitt, vincitore dell'Oscar come miglior non protagonista per "C'era una volta a… Hollywood" di Quentin Tarantino, che sostiene idealmente l'impeachment contro il presidente: "È un saputello!", è il giudizio tranchant di Trump.

La risposta di Parasite: Trump non sa leggere

Non si è fatta attendere la replica di Neon, la società che ha distribuito in Usa "Parasite". Su Twitter ha condiviso il discorso di Trump, facendo riferimento che il pubblico americano, in una nazione in cui il doppiaggio non è una consuetudine come in Italia, deve vedere il film con i sottotitoli: "È comprensibile, non sa leggere".