video suggerito
video suggerito

È “50 sfumature di grigio” mania, ecco i tatuaggi ispirati alla trilogia di E. L. James (FOTO)

I fan della trilogia di E. L. James sono impazienti di assistere al film che arriverà nelle sale il prossimo San Valentino. Molti di loro hanno voluto incidere sulla pelle, un simbolo tratto dal libro. Si va dalle citazioni, alla maschera, dalla chiave della stanza dei giochi alle manette.
A cura di Daniela Seclì
1.439 CONDIVISIONI
Immagine

È incredibile constatare come la mania scatenatasi intorno a "Cinquanta sfumature di grigio", non accenni ad affievolirsi. Mancano ancora diversi mesi, prima che i fan della trilogia possano assistere al film, ma la passione di alcuni di loro per le vicende di Anastasia Steele e Christian Grey è talmente grande, da portarli ad inciderla sulla pelle.

I tatuaggi dedicati alla trilogia – I soggetti sono diversi. In tanti si tatuano la scritta "Laters, Baby" ossia la frase con la quale Christian Grey si congedava da Anastasia. Spesso la frase è accompagnata dal disegno delle manette. Altri simboli del romanzo di E. L. James che sono diventati il soggetto di un tatuaggio sono la cravatta, la maschera e la chiave, simboli che compaiono anche sulle copertine dei tre volumi. Ovviamente non mancano le citazioni, soprattutto appartenenti al personaggio del dominatore. Alcuni uomini, invece, in preda ad una botta di autostima si tatuano la frase: "My name is Christian Grey", probabilmente nella speranza di avere con le donne, lo stesso successo del personaggio.

Le polemiche sul trailer – Se tutto ciò è ancora solo l'effetto del libro, chissà cosa accadrà quando arriverà nelle sale il film. Una cosa è certa, si prevedono grandi polemiche. Basti pensare, infatti, che già il trailer ha sollevato grande dibattito ed è stato condannato perché promuoverebbe la tortura come pratica gratificante. Il Porn Harms Action Centre, infatti, ha dichiarato:

"Con la popolarità di questo libro, gli opinion-maker tradizionali (come Oprah, il Today Show e Broadway), stanno dicendo al pubblico (soprattutto ai giovani) che l’umiliazione, il degrado e la tortura nel sesso sono normali e incitano a provare."

1.439 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views