È notizia ufficiale. La Universal ha affidato "Invisible Woman", la versione al femminile de "L'uomo invisibile" a Elizabeth Banks. Per lei, doppio ruolo di regista e protagonista principale, proprio come è accaduto per il reboot di "Charlie's Angels" in Italia dal 9 gennaio. Per la Banks, sarà il terzo film da regista. Il progetto Universal di portare al cinema gli storici mostri prosegue dopo lo stop e il ridimensionamento dovuto al mezzo flop de "La Mummia" con Tom Cruise. Oltre a questo progetto, la Universal ha già dato il via a "Renfield", film sullo scagnozzo di Dracula diretto da Dexter Fletcher.

La carriera di Elizabeth Banks

Classe 1974, Elizabeth Banks è nota per il ruolo di Betty Brant nella trilogia di Spider-Man di Sam Raimi, per la commedia di culto "Wet Hot American Summer" e per "40 anni vergine". Nel 2008, degno di nota il ruolo di Laura Bush in W. di Oliver Stone e nel 2012 quello di Effie Trinket in "The Hunger Games". In televisione, ha partecipato alla quinta stagione di "Scrubs" nel ruolo della dottoressa Kim Briggs, fidanzata di J.D., interpretato da Zach Braff. Il ruolo di Avery Jessup nella sitcom "30 Rock" le ha fatto ricevere due nomination agli Emmy Awards. Nel 2015, è membro della giuria della 72esima Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. In quell'anno, a presidere la giuria è stato Alfonso Cuarón.

Il ritorno delle Charlie's Angels

Ad Elizabeth Banks anche il compito di non far rimpiangere le "recenti" Charlie's Angels, Drew Barrymore, Cameron Diaz e Lucy Liu. Dopo il primo remake del 2000 e il sequel del 2003, il nuovo film sarà più che un reboot, un proseguimento ideale della serie televisiva del 1976. A interpretare le tre agenti in missione: Kristen Stewart, Naomi Scott e Ella Balinska. L'agente Bosley, il supervisore dei tre angeli, sarà proprio Elizabeth Banks, che del film è anche sceneggiatrice.