460 CONDIVISIONI
24 Ottobre 2014
17:18

Film su Massimo Troisi nel 2015, la protagonista sarà Jennifer Beals

Partiranno nel 2015 le riprese del film “Da domani mi alzo tardi”, tratto dall’omonimo romanzo di Anna Pavignano, compagna di lavoro e di vita di Massimo Troisi. Ad interpretare proprio la Pavignano al cinema sarà Jennifer Beals, celebre volto di Flashdance e grande amica dell’attore napoletano.
A cura di Eleonora D'Amore
460 CONDIVISIONI

"Non ho mai incontrato una persona così capace di giocare con il suo modo di parlare. Siamo diventati molto amici, abbiamo trascorso giorni e notti a parlare delle nostre vite e a passeggiare per Roma": è Jennifer Beals, celebre protagonista del film Flashdance, a ricordare come fu il primo incontro con Massimo Troisi in quel di Cinecittà. Lei era nella capitale per girare il film ‘La strada' e tra una chiacchiera e l'altra è nato un bellissimo rapporto di amicizia, che ha contribuito alla diffusione del marchio Troisi in America. Fu proprio la Beals, infatti, a volere fortemente una retrospettiva dei suoi film al Museo d' Arte Moderna di New York, vetrina prestigiosa per uno dei talenti più amati della nostra nazione. Quando Massimo Troisi morì, l'attrice dichiarò: "Sono sicura che starà da qualche parte a ridere. Solo sapere che il suo nome viene pronunciato o mal pronunciato dagli americani deve dargli soddisfazione".

"Da domani mi alzo tardi" e l'amore per Anna Pavignano

L'accostamento di Jennifer Beals a Massimo Troisi è dovuto alla partecipazione dell'attrice al film a lui dedicato, che inizierà a prendere vita nel 2015. "Da domani mi alzo tardi", tratto dall'omonimo libro scritto da Anna Pavignano, primo amore e collaboratrice storica dei maggiori successi cinematografici dell'attore napoletano (Scusate il ritardo, Ricomincio da tre e Pensavo fosse amore invece era un calesse, solo per citarne alcuni). Sarà proprio la Beals a interpretare la Pavignano al cinema e a far rivivere le sfumature di un amore tormentato, durato una vita intera e incapace, allo stesso tempo, di imporsi in maniera univoca nelle rispettive esistenze affettive. Anna Pavignano racconta di aver soffocato per anni la gelosia nutrita per le "amanti" di turno o per quelle compagne che, a suo dire, gli avrebbero riscaldato molto il letto e poco il cuore. Il film servirà a mettere in luce questi aspetti e a rimarcare la magia della loro unione, vissuta per lo più tra le mura di una casa al mare volutamente isolata, nella quale le giornate trascorrevano a rilento, nonostante la continua dedizione alle loro sceneggiature.

Il regista sarà Stefano Veneruso, nipote di Massimo Troisi

"I protagonisti saranno due attori americani. Per il ruolo di Anna Pavignano ho scelto la raffinata e bravissima Jennifer Beals" ha rivelato il regista Stefano Veneruso, nipote di Massimo Troisi, con il quale si è formato lavorando come assistente alla regia del film Il Postino. Del film di Michael Radford, Veneruso  ha anche diretto il Behind the Scenes (backstage, nrd), che in seguito gli ha consentito di vincere il premio per la migliore storia e narrazione all’International Backstage Festival di Bologna. Trasferitosi a Los Angeles, dove ha perfezionato gli studi di regia e cinematografia alla UCLA ed alla AFI, ha iniziato a collaborare con la Cecchi Gori Pictures, compagnia di distribuzione e produzione cinematografica. Da qui una serie di lavori di successo, tra i quali il film Gangs of New York diretto da Martin Scorsese, per il quale ha lavorato come assistente alla regia, e svariati videoclip musicali, realizzati per artisti del calibro di Tina Turner ed Elisa (su territorio nazionale). Al 1997 risale la produzione del compact disc Nei tuoi occhi, sentito omaggio allo zio Massimo, e al 2014 il suo ultimo lavoro, lo spettacolo teatrale Cosa ne penso della Svizzera, interpretato da Giancarlo Giannini.

460 CONDIVISIONI
Pino Daniele e
Pino Daniele e "l'impiegato " Massimo Troisi
Casa Massimo Troisi, un museo aperto a tutti:
Casa Massimo Troisi, un museo aperto a tutti: "Dalla bici del film Il Postino ai copioni originali"
Mario Martone racconta Massimo Troisi nel docufilm
Mario Martone racconta Massimo Troisi nel docufilm "Laggiù qualcuno mi ama"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni