12 Giugno 2010
14:54

Frankenstein jr., il cult comico di Mel Brooks

In onda stasera su Sky Mania Frankenstein jr., il capolavoro di Mel Brooks considerato tra i fil più amati di ogni epoca.
A cura di Emanuele Rauco
Bellissima immagine a colori di Frankenstein jr

Probabilmente l’abbiamo visto decine e decine di volte, conosciamo le battute e le scene a memoria ma non ci stanchiamo di recitarle con gli amici; e ovviamente non ci stanchiamo di vederlo. E allora siamo pronti stasera a gustarcelo un’altra volta, alle 21 su Sky Mania (canale 312 di Sky). Ma se fosse la prima volta vi accenniamo la trama: Frederick Frankenstein, nipote che rinnega il famigerato nonno, riceve dallo stesso un castello in dono. Ma la scienza e il delirio di onnipotenza lo porteranno a ripetere gli esperimenti dell’avo: con risultati tragicomici.

Dalla trama non sembra, ma il film scritto dal regista Mel Brooks e dal protagonista Gene Wilder è una delle più esilaranti e micidiali parodie della storia del cinema (assieme al Rocky Horror Picture Show che festeggia i 35 anni di mito), che deve il successo e l’altissimo numero di risate proprio all’eleganza e alla cultura con cui si riprende e si distorce i classici di James Whale (Frankenstein – che poi sarà la base anche di Frankenweenie di Tim Burton – e La moglie di Frankenstein, ma anche La casa di Frankenstein, da cui viene il poliziotto dal braccio di legno). Il meccanismo è semplice e collaudato: usare le scene più importanti e celebri e distorcerle comicamente, senza dimenticarsi di aggiungere tocchi folli dal proprio sacco.

E allora ecco Frau Blucher far nitrire i cavalli col solo nome, la gobba di Igor spostarsi da un lato all’altro della schiena, Gene Hackman (Oscar per Gli spietati di Clint Eastwood) straordinario eremita cieco. E i giochi di parole di Marty Feldman, come “Lupo ululà, castello ululì”. Tutto amalgamato da Brooks con un’eleganza formale e una cura che acuiscono il senso comico di ogni scena che, potenza del cinema, sa essere anche una storia appassionante e persino – a suo modo – commovente. Indimenticabile: Wilder e Feldman nel ruolo della vita, 2 nominations agli Oscar (sceneggiatura non originale e suono) e ai Globes (Cloris Leachman alias Frau Blucher e miglior commedia), una sequela ininterrotta di momenti da ricordare. E persino una morale da seguire: “Potrebbe andare peggio. Potrebbe piovere”. O meglio: "Si può fare!"

Emanuele Rauco

Mel Gibson news, denuncia Oksana Grigorieva: “mi ha ricattato”
Mel Gibson news, denuncia Oksana Grigorieva: “mi ha ricattato”
Fuori controllo, il declino di Mel Gibson
Fuori controllo, il declino di Mel Gibson
George Michael avrà il volto di Mel Gibson nel suo biopic
George Michael avrà il volto di Mel Gibson nel suo biopic
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni