18 Luglio 2016
16:34

Gabriele Mainetti: “Niente ‘Lo chiamavano Jeeg Robot 2’, ora è impensabile”

“No, niente sequel di “Jeeg Robot” così Gabriele Mainetti al Giffoni Film Festival smentisce le voci che lo vedevano a lavoro su un seguito di “Lo chiamavano Jeeg Robot”, film rivelazione dell’anno, vincitore di ben sette David di Donatello, interpretato da Claudio Santamaria, Ilenia Pastorelli e Luca Marinelli.
A cura di Eleonora D'Amore

"No, niente sequel di ‘Jeeg Robot'", così Gabriele Mainetti al Giffoni Festival smentisce le voci che lo vedevano a lavoro su un seguito di "Lo chiamavano Jeeg Robot", film rivelazione dell'anno, vincitore di ben sette David di Donatello, interpretato da Claudio Santamaria, Ilenia Pastorelli e Luca Marinelli. "Ho iniziato a lavorarci 6 anni fa, ed è stato un percorso molto lungo, difficile e frustrante per l'incertezza che aleggiava sulla sua realizzazione, rimettermi a lavoro ora è impensabile" ha dichiarato ai giornalisti presenti durante la quarta giornata di Festival. Sono confermate, invece, le indiscrezioni su un suo nuovo film: "Sto lavorando al soggetto di un nuovo film insieme a Nicola Guaglianone, già sceneggiatore di Jeeg Robot. È una storia ancora più folle che dovremo consegnare a settembre. Non mancheranno ruoli femminili importanti".

Ma Mainetti non si ferma qui, è impegnato anche in un progetto di cinema collettivo, ideato da Edison, su energia, uomo e natura, raccontati attraverso gli occhi di persone diverse: "Metteremo insieme 10 cortometraggi che sceglieremo tra quanti ci manderanno il loro corto su questi temi. L'idea è quella di far raccontare proprio alla gente la relazione tra uomo, ambiente ed energia". Gabriele Mainetti sta girando in questi giorni anche un cortometraggio sponsorizzato da Renault che verrà presentato alla prossima Mostra del Cinema di Venezia; la protagonista è Aurora Ruffino, la Cris di "Braccialetti Rossi", definita dallo stesso regista "Attrice davvero straordinaria".

Sul fronte televisivo, invece, Mainetti ha affermato: "La Rai ha ben lavorato alcuni soggetti di personaggi raccontati in miniserie. La serialità mi piace ma tirata per le lunghe la trovo deprimente, gli attori si stancano e alla fine si vede. Un esempio, invece, che trovo eccellente in questo campo è True Detective".

I 40 anni di Gabriele Mainetti, attore e regista di “Lo chiamavano Jeeg Robot”
I 40 anni di Gabriele Mainetti, attore e regista di “Lo chiamavano Jeeg Robot”
Mainetti:
Mainetti: "Il mio corto con Borghi e Ruffino, ai quali avevo pensato per Lo chiamavano Jeeg Robot"
391.655 di Eva Carducci
Le foto di scena di Gabriele Mainetti
Le foto di scena di Gabriele Mainetti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni