30 Marzo 2010
18:12

Godzilla, a Hollywood preparano il remake

Dopo il film del ’98, il gigantesco mostro d’origine giapponese torna al cinema. Sconosciuti per ora regista e interpreti.
A cura di Emanuele Rauco

Le dimensioni contano. Era lo slogan con cui 12 anni fa veniva pubblicizzato Godzilla, kolossal di Roland Emmerich (Indipendence Day con Will Smith) che riprendeva l’icona del mostro radioattivo giapponese creato da Ishiro Honda col celebre Gojira. Ma quel brutto film fu anche un flop al botteghino – guadagnò in patria appena 6 milioni in più rispetto al costo di 130 milioni – e così si pensò di metterlo nel congelatore per sempre.

Ma la Legendary Pictures – casa di produzione affiliata alla Warner Bros. – ha deciso di scongelare il mostro per produrne un remake; che però non avrà nulla a che fare col film interpretato da Matthew Broderick ma s’ispirerà direttamente all’originale giapponese del ’54. Per ora non si conoscono né il regista né gli interpreti e forse dipenderanno dal successo di Scontro fra titani, la recente produzione della casa che si appresta a uscire fra pochi giorni.

Chi però pensa che il dinosauro creato dalle radiazioni nucleari della bomba atomica (dagli esperimenti a Mururoa nel film americano) abbia dormito in assenza di Hollywood si sbaglia: infatti il cinema giapponese ha continuato per anni a giocare col suo mostro preferito. L’ultimo episodio della serie risale al 2004 e fu girato per celebrare il 50esimo anniversario dalla nascita del mito, mentre Godzilla 2000 giunse in distribuzione persino in America. A riprova del fatto che i sentimenti di rivalsa che lo fecero nascere sono ancora vivi, e quanto sia paradossale l’interessamento, sempre tardivo, della Mecca americana del cinema.

Emanuele Rauco

Hollywood: Il Mago di Oz avrà un prequel-remake fatto Sam Raimi
Hollywood: Il Mago di Oz avrà un prequel-remake fatto Sam Raimi
Taxi Driver, remake in arrivo
Taxi Driver, remake in arrivo
Nightmare, remake in arrivo
Nightmare, remake in arrivo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni