428 CONDIVISIONI
16 Novembre 2014
22:06

I 40 anni di Claudia Pandolfi tra Miss Italia, fiction e cinema impegnato

L’attrice è stata notata da Michele Placido a Miss Italia, nel 1991, e da lì la sua carriera ha spiccato il volo tra fiction di successo come “Un Medico in Famiglia” e “Distretto di Polizia”, a film di spessore come “La prima cosa bella”, “Solo un padre” e “Cosmonauta”.
A cura di Ciro Brandi
428 CONDIVISIONI

Fascino magnetico, bellezza inusuale e talento da vendere. Con queste carte, Claudia Pandolfi si è guadagnata un posto di tutto rispetto nel panorama televisivo e cinematografico italiani. Oggi compie 40 anni ma ha già alle sue spalle un curriculum da invidiare e una carriera in costante ascesa. Naturalmente, il grande pubblico la conosce grazie ai ruoli di Alice Solari in “Un medico in famiglia”, di Giulia Corsi in “Distretto di Polizia” e, negli ultimi anni, della Dottoressa Claudia Munari nell’angosciante fiction “Il tredicesimo apostolo”, ma la Pandolfi ha, contemporaneamente, girato film impegnati tra cui “Naja”, “Solo un padre”, “Cosmonauta”, “La prima cosa bella” e “I più grandi di tutti”, di Paolo Virzì e “Quando la notte”, di Cristina Comencini.

Miss Italia, l’esordio con Michele Placido, le fiction e i film di successo

Non tutti sanno, però, che la Pandolfi si è affacciata nel mondo dello spettacolo già dal 1991, quando partecipò a Miss Italia, dove raggiunse le posizioni finali. Proprio al concorso, fu notata da Michele Placido, che le offrì una parte nella fiction televisiva "Le amiche del cuore". Nel 1993 prese parte anche  alla fiction "Amico mio", prodotta da Rai Due e ambientata nel reparto di pediatria di un ospedale romano, dove la Pandolfi interpretava l’infermiera Susanna. Nel 1994 esordisce al cinema nel film "L'orso di peluche" con Alain Delon e con la regia di Jaques Deray, mentre nel 1995 è nel cast de "La voce del cuore", fiction di Canale 5, con Gianni Morandi e Mara Venier, in cui Claudia interpreta Chiara, una ragazza che si ribella alla monotonia del piccolo paese di montagna in cui vive. Nel 1996 torna in tv con "Il caso Redoli", legato alla serie "I grandi processi"  ed è al cinema con il film "La frontiera", diretto da Franco Giraldi. Nel 1997 è la volta di "Auguri professore", con Silvio Orlando, diretto da Riccardo Milani e di "Ovosodo" di Paolo Virzì. Il 1998è il suo anno, la Pandolfi entra nel cuore del grande pubblico grazie alla fiction "Un medico in famiglia", e al ruolo di Alice Solari, cognata, confidente e, infine, moglie di Lele, il medico interpretato da Giulio Scarpati. Al 1998 risale anche la sua partecipazione al film "Milonga", in cui recita al fianco di Giancarlo Giannini.

 

“Distretto di polizia”, il matrimonio lampo, “Solo un padre” e “Due partite”

Gli anni Duemila si aprono col successo della seconda serie di “Un medico in famiglia” e l’attrice gira anche "Fate un bel sorriso", diretto da Anna Di Francisca. Ottiene, poi, il ruolo del commissario Giulia Corsi in tre edizioni (3, 4 e 5) della fiction "Distretto di Polizia", altro grandissimo successo della sua carriera. Nel frattempo sposa l’attore Massimiliano Virgili, ma il loro matrimonio, celebrato nel mese di giugno 1999, dura solo un mese, e i due finiscono su tutti i giornali perché la causa, a quanto pare, è la relazione clandestina della Pandolfi col vj di MTV Andrea Pezzi. Nel 2002 interpreta il ruolo di un commissario di polizia ne “Il sequestro Soffiantini” mentre nel 2007 è la protagonista, insieme a Raoul Bova, della miniserie “Nassiriya – Per non dimenticare”. L’anno successivo gira la miniserie “I liceali”  e il film “Solo un padre”, di Luca Lucini, con Luca Argentero, ed è la protagonista di uno degli episodi della fiction “Donne assassine” per Fox Crime. Nel 2009 torna sul grande schermo con il film “Due partite”, nel ruolo di Rossana, per la regia di Enzo Monteleone, tratto dall'omonimo spettacolo teatrale di Cristina Comencini, con Isabella Ferrari e Margherita Buy. Il 26 dicembre 2006 dà alla luce il suo primo figlio, Gabriele, avuto dal compagno, il cantante Roberto Angelini.

 

Il ritorno a “Distretto di Polizia”, “La prima cosa bella” e “Il tredicesimo apostolo”

Nel 2009 è nel film “Cosmonauta”, opera prima di Susanna Nicchiarelli, con Sergio Rubini, ambientato nell'Italia di fine anni '50 e inizio anni '60 e gira la seconda stagione de “I liceali” ed è protagonista de “La prima cosa bella”, film di Paolo Virzì. Nel 2010 è al cinema con “Figli delle stelle” di Lucio Pellegrini e “Sulla strada di casa”, di Emiliano Corapi.  Nello stesso anno torna nei panni di Giulia Corsi nelle nuove puntate della serie-TV “Distretto di polizia 10”, nel ruolo di vice-questore di Palermo. Dal 4 gennaio 2012 è la protagonista della fiction di Canale 5 “Il tredicesimo apostolo – Il prescelto” nella quale interpreta il ruolo di una psicologa che affianca un prete (Claudio Gioè) dotato di poteri sovrannaturali. Nel 2012 ha vinto il Premio Anna Magnani per la miglior attrice protagonista al Bif&st di Bari per il film “Quando la notte” di Cristina Comencini. Sempre nel 2012 gira “I più grandi di tutti”, di Carlo Virzì e l’anno scorso, è stata la protagonista del corto “Meglio se stai zitta”, di Elena Bouryka e nel 2014 ha preso parte al film tv “Non avere paura. Un’amicizia con Papa Wojtyla”, al fianco di Giorgio Pasotti.

428 CONDIVISIONI
"Miss Italia", le miss curvy dagli anni '50 a oggi
45.283 di Spettacolo Fanpage
Chi è Gaia Nicolini, la figlia di Guendalina Tavassi che partecipa a Miss Italia 2022
Chi è Gaia Nicolini, la figlia di Guendalina Tavassi che partecipa a Miss Italia 2022
“Fantozzi” al cinema per la prima volta 40 anni fa
“Fantozzi” al cinema per la prima volta 40 anni fa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni