Festival di Cannes 2021
17 Luglio 2021
20:33

I vincitori del Festival di Cannes 2021: Palma d’Oro a Titane, Spike Lee l’annuncia prima per errore

Tutti i premi consegnati al 74esimo Festival di Cannes, nella cerimonia di chiusura di sabato 17 luglio. La vittoria va Titane di Julia Ducournau, annunciata in anticipo per errore da Spike Lee. Niente da fare per Nanni Moretti e Tre piani, ma l’Italia si consola con Marco Bellocchio che ha ricevuto la Palma d’onore dalle mani di Paolo Sorrentino. Un’edizione che segna il ritorno sulla Croisette dopo un anno di stop a causa della pandemia e, mascherine a parte, non ha rinunciato a folle, star e glamour.
A cura di Valeria Morini
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Cannes 2021

Il Festival di Cannes 2021 incorona i suoi vincitori, con il clamoroso errore di Spike Lee, presidente di giuria, che per sbaglio ha comunicato la vittoria di Titane di Julia Ducournau già a inizio cerimonia (più in basso il video della gaffe). Niente da fare per il nostro Nanni Moretti: il suo Tre piani non ha ricevuto riconoscimenti. Dopo lo stop nel 2020 per la pandemia da Covid e il ritorno a luglio 2021, anziché nella tradizionale collocazione di maggio, la manifestazione cinematografica ha dimostrato di non voler rinunciare alle sue tradizioni e alla sua carica di glamour. Mascherine e tamponi a parte (non indossate sul red carpet) è stato un festival come tutti gli altri, con abbondanza di star e influencer sulla montée des marches, folle di fotografi e di fan davanti al Palais, 100% di posti occupati nelle sale. Secondo il bilancio diffuso dal direttore Thierry Frémaux, da 50mila tamponi effettuati, sarebbero risultati 70 positivi.

Paolo Sorrentino consegna a Marco Bellocchio la Palma d'onore

Nonostante la delusione italiana per Moretti, ci consoliamo comunque con la grande ovazione per la Palma onoraria che Paolo Sorrentino, ha consegnato a Marco Bellocchio, uno dei più grandi registi del cinema italiano e internazionale. Bellocchio ha presentato a Cannes il doc Marx può aspettare, sul suicidio del suo fratello gemello, accolto da una standing ovation. "Credo che per fare il cinema servano due cose, l’immaginazione e il coraggio", ha detto Bellocchio, "l’uno e l’altro sono obbligatori nel nostro cinema, il regista deve avere coraggio, le cose di cui sono più soddisfatto sono state fatte con un atto di coraggio, se l’immagine non si sporca con la realtà, se non vi si oppone, è chiaro che non resta".

Cannes 2021, tutti i premi

La giuria
La giuria

Ecco i premi assegnati dalla giuria guidata da Spike Lee e formata da: l'attrice e regista Mati Diop, la cantautrice Mylène Farmer,  l'attrice Maggie Gyllenhaal, la regista Jessica Hausner, l'attrice Mélanie Laurent, il regista Kleber Mendonça Filho, l'attore Tahar Rahim e l'attore Song Kang-ho. Giurie a parte premiano la Caméra d'oro e i corti. Titane, il film vincitore con Vincent Lindon, è la storia di un padre che dopo una serie di crimini misteriosi ritrova il figlio scomparso da 10 anni.

Palma d'oro: Titane di Julia Ducournau
Grand Prix Speciale della Giuria: ex-æquo Asghar Farhadi per Ghahreman (A Hero) e Juho Kuosmanen per Hytti N°6
Premio al miglior regista: Leos Carax per Annette
Premio alla migliore sceneggiatura: Hamaguchi Ryusuke e Takamasa Oe per Drive My Car
Premio alla migliore interpretazione femminile: Renate Reinsve per The Worst Person in the World di Joachim Trier
Premio alla Migliore interpretazione maschile: Caleb Landry Jones per Nitram di Justin Kurzel
Premio della giuria: ex aequo Ha’berech di Nadav Lapid e Memoria diApichatpong Weerasethakul
Caméra d'or (miglior opera prima): Murina di Antoneta Alamat Kusijanović
Palma d'oro al miglior cortometraggio: Tian Xia Wu Ya di Tang Yi
Premio della giuria cortometraggi: Céu de agosto di Jasmin Tenucci
Palma d'oro onoraria: Jodie Foster e Marco Bellocchio

I premi della sezione Un Certain Regard

Questi i premi dell'altra sezione competitiva interna al Festival. Ricordiamo inoltre che l'italiano A Chiara di Jonas Carpignano ha vinto il Premio Europa Cinema Label nella Quinzaine des Réalisateurs.

Premio Un Certain Regard: Razžimaja kulaki di Kira Kovalenko
Premio della giuria: Große Freiheit di Sebastian Meise
Miglior cast d'insieme: Bonne Mère di Hafsia Herzi
Premio per il coraggio: La civil di Teodora Ana Mihai
Premio per l'originalità: Dýrið di Valdimar Jóhansson
Menzione speciale della giuria: Noche de fuego di Tatiana Huezo Sánchez

39 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni