È uno dei film più attesi del prossimo anno, di cui si parla già da mesi e che ha incuriosito gli appassionati di cinema. Partendo da una delle fiabe più raccontate di sempre, Pinocchio, Guillermo Del Toro sta per dar vita ad un capolavoro. Prodotto da Netflix, dove sarà distribuito oltre che nelle sale, il musical realizzato in stop motion attinge alla favola di Carlo Collodi anche se la riadatta ad un'epoca diversa da quella originale. L'ambientazione, infatti, è quella dell'Italia fascista e la trasformazione di Pinocchio da burattino a bambino tocca delle tematiche molto più intime e anche attuali, come la paura di non essere mai all'altezza delle aspettative. Ad accompagnarlo in questa impresa ci saranno tantissime star hollywoodiane, come annunciato dalla piattaforma streaming, che vedremo calarsi nell'interpretazione di questi personaggi fantastici.

Il cast di Pinocchio

Il ruolo principale, quello di Pinocchio, è stato affidato all'attore esordiente Gregory Mann, mentre Ewan McGregor, come già aveva precedentemente comunicato sarà il Grillo Parlante e David Bradley che abbiamo visto in franchise come Harry Potter e Il trono di spade, interpreterà il falegname Geppetto. Nel cast troviamo anche la premio Oscar Tilda Swinton, il premio Oscar Christoph Waltz, Finn Wolfhard che abbiamo visto in Stranger Things, e anche Cate Blanchett, cameo d'eccezione per John Turturro, e altri attori che hanno preso parte a produzioni come Ron Perlman, già premiato ai Golden Globe e che troviamo nel film di Del Toro Nightmare Alley, Tim Blake Nelson che abbiamo visto in Watchmen e, infine, Burn Gorman che vedremo prossimamente nel nuovo film Netflix con Millie Bobby Brown, ovvero Enola Holmes.

Le riprese iniziate in autunno

Insomma, si tratta di un cast davvero stellare, voluto fortemente dal regista che, tra le altre cose, si è occupato anche della sceneggiatura e dei testi delle canzoni, mentre la colonna sonora è stata affidata al già premio Oscar Alexandre Desplat. La realizzazione di questo film è un progetto a cui il regista de La forma dell'acqua ambiva da tempo, un desiderio sopito che finalmente ha trovato il modo e il tempo di essere realizzato. Le riprese, infatti, sono iniziate già lo scorso autunno e sono state realizzate negli studi di ShadowMachine a Portland e non sono state interrotte nemmeno durante la pandemia.