in attesa della palma d'oro i primi riconoscimenti sulla croisette

Il Festival di Cannes 2020 inizialmente previsto dal 12 al 23 maggio è stato cancellato per l'emergenza Coronavirus. Con un lungo comunicato sul sito ufficiale, l'organizzazione del Festival annuncia di aver preso la decisione in seguito all'emergenza. Era d'altronde questione di ore la decisione, anche se in molti avevano accusato l'organizzazione di reticenza. Il Festival annuncia che tra le ipotesi al vaglio quelle di un semplice rinvio tra giugno e luglio, ma tutto sarà legato in base alle evoluzioni di questa emergenza.

Il comunicato del Festival di Cannes

All'interno del comunicato apparso sul sito del Festival di Cannes, si spiegano quali sono tutte le ipotesi per la manifestazione. Una prima data utile potrebbe essere tra giugno e luglio 2020, ma è indubbio che la situazione sarà valutata con l'evolversi di quanto accade in Francia e nel mondo:

In questo periodo di crisi sanitaria globale, abbiamo un pensiero per le vittime di COVID-19 ed esprimiamo la nostra solidarietà a tutti coloro che combattono contro questa malattia. Oggi abbiamo preso la seguente decisione: il Festival del Cinema di Cannes non può più svolgersi nelle date previste, dal 12 al 23 maggio. Diverse ipotesi sono allo studio, la principale sarebbe un semplice rinvio, a Cannes, per fine giugno – inizio luglio 2020. Non appena l'evoluzione della situazione sanitaria francese e internazionale ci consentirà di valutare la reale possibilità, renderemo nota la nostra decisione, nel quadro dell'attuale consultazione con lo Stato e la Città di Cannes, nonché con il Consiglio, con la stessa amministrazione del Festival, i professionisti del cinema e tutti i partner dell'evento. Fino ad allora, il Festival di Cannes si unirà alla sua voce con tutti coloro che chiedono fermamente che ognuno rispetti le regole e mostri solidarietà in questi tempi difficili per il mondo intero. A presto.

La Mostra di Venezia è confermata

Nella giornata di oggi ha invece parlato Alberto Barbera, direttore della Mostra di Venezia, che dovrebbe tenersi dal 2 al 12 settembre. La kermesse del Lido sarebbe ad oggi confermata: "Noi lavoriamo alla selezione come un'annata normale, per quanto consapevoli di quello che ci accade", ha dichiarato Barbera all'ANSA, "Da qui a settembre immaginiamo non solo per noi festival ma per il cinema e il mondo che il virus sia regredito".