Jane Fonda si prepara a compiere 82 anni, ma la grinta e il senso di giustizia è sempre quello di un tempo. L'attrice che sostiene di essersi ispirata a Greta Thunberg ha deciso di scendere in piazza per manifestare per quello in cui crede. Così, ieri, venerdì 18 ottobre, è stata arrestata per la seconda volta in una manciata di giorni.

La lotta di Jane Fonda per la salvaguardia dell'ambiente

Jane Fonda si trovava a Capitol Hill a Washington insieme all'attore Sam Waterson. Entrambi stavano manifestando per sensibilizzare i politici sul problema del cambiamento climatico e spronarli a trovare una risoluzione. Per loro e per altre 14 persone, sono scattate le manette. Eva Malecki, direttrice della comunicazione della polizia del Campidoglio, ha confermato a USA Today che "16 persone sono state arrestate per aver manifestato illegalmente".

Ha intenzione di manifestare ogni venerdì

Sul profilo Instagram dell'attrice, sono state pubblicate le foto dell'arresto e un invito a prendere coraggio e a manifestare. In un'intervista rilasciata ad AP, l'attrice, ha dichiarato: "La prossima settimana, ci concentreremo sugli oceani e verrà arrestato Ted Danson, che ancora non è stato mai fermato. Mi sto trascinando dietro i miei amici". Poi ha fatto sapere che continuerà a manifestare ogni venerdì almeno fino a gennaio 2020: "Dobbiamo tutti comportarci come se la nostra casa andasse a fuoco, perché è così. Questa crisi è urgente, è grave, i giovani ci chiedono aiuto. Sarò al loro fianco ogni venerdì fino a gennaio, guiderò delle manifestazioni a Capitol Hill per chiedere che i nostri leader politici agiscano per risolvere l'emergenza climatica in cui siamo. Non possiamo più permetterci di aspettare". Non è la prima volta che Jane Fonda lotta per ciò in cui crede. Molti, infatti, ricordano la sua opposizione alla guerra in Vietnam.